thumbnail Ciao,

Alla stampa argentina il neo attaccante del Palermo ha confidato le proprie speranze per l'imminente avventura italiana.

"Abbiamo optato per il Palermo perché è un club di antiche tradizioni dove ci sono tanti argentini in squadra". E' questa la dichiarazione di Mauricio Sperduti rilasciata alla stampa argentina circa il suo trasferimento in Italia alla corte di Zamparini. Scelta dettata dal blasone della Serie A, del Palermo, ma anche dalla presenza in Sicilia di qualche vecchia conoscenza, come Mauro Formica, altro neoacquisto rosanero:

"E´bello tornare a giocare insieme a Mauro Formica, lui sa già l’italiano, io capisco poco, so che sarà difficile imparare questa lingua. Sono contento di questa nuova avventura, di poter giocare in un campionato tanto prestigioso, spero di migliorare nel modo giusto. È un passo molto importante. Non ho seguito molto la trattativa, non volevo che ricapitasse quello che era già successo in passato, ho vissuto il tutto con molta tranquillità".

Con la nuova avventura italiana pronta a cominciare, Sperduti dedica un pensiero all'ormai ex club: "Devo anche ringraziare il club per tutto quello che mi ha dato e per l’affetto che ho ricevuto. Gli auguro solo il meglio per questo campionato che sta per cominciare, c’è una buona squadra e si può arrivare lontano, soprattutto perché c’è gente molto competente. Seguirò il Newells, nulla è cambiato"

Attaccante classe '86, Mauricio Sperduti giunge in Italia dopo sei stagioni e mezza con la maglia del Newell's Old Boys, club con il quale l'argertino ha totalizzato 145 presenze tra campionato e coppe, totalizzando 15 reti. Il giocatore ha anche vestito in due occasioni, senza realizzare marcature, la maglia dell'Albiceleste.

Sullo stesso argomento