thumbnail Ciao,

Il presidente del Milan, in piena campagna elettorale, tira in ballo l'attaccante appena acquistato dal Milan, contrapponendolo al suo rivale per la presidenza del Consiglio.

Ospite di 'Rai Tre' per l'ennesima comparsata televisiva in campagna elettorale, il presidente del Milan, Silvio Berlusconi, torna a tirare in ballo la campagna acquisti rossonera nelle sue battaglie politiche.

A essere catapultato nella contesa politica è stavolta il nome di Mario Balotelli, appena approdato al club di Via Turati e accolto da grande campione da parte dei tifosi.

"L'unica cosa di positivo che ho pensato
- ha detto il presidente del Milan, che qualche settimana fa definì la punta "una mela marcia" - è che Balotelli ha segnato due goal e ha fatto piangere i tedeschi, mentre l'altro Mario, Monti, ha segnato due goal con l'Imu e il redditometro e ha fatto piangere tutti gli italiani".

Poi sul presunto utilizzo della campagna acquisti della squadra per accrescere il suo consenso elettorale: "Non è stato un investimento della mia campagna elettorale, - ha assicurato - ma un investimento della parte tecnica della società. E non è una mela marcia".

Sullo stesso argomento