thumbnail Ciao,

I tifosi del Chelsea continuano a riservagli cori allo stadio: "Mi fanno molto piacere, con loro è stato amore a prima vista. E' stato così fin dal mio primo giorno a Londra".

Gli ultimi mesi hanno regalato emozioni contrastanti a Roberto Di Matteo. Prima il trionfo in Champions League poi la decisione del Chelsea di esonerarlo nonostante lo storico risultato ottenuto.

Il tecnico italiano, intervistato ai microfoni di Sky, ha così ricordato i suoi mesi in blues: "E' stata un'esperienza fantastica ma allo stesso tempo molto dura. Lavoravamo anche 18 ore al giorno per ottenere quanto poi abbiamo raggiunto. La Champions vinta è stata un'emozione incredibile".

I tifosi del Chelsea continuano a riservagli cori allo stadio: "Mi fanno molto piacere, con loro è stato amore a prima vista. E' stato così fin dal mio primo giorno a Londra, c'è un grande affetto che ricambio".

Di Matteo ha anche parlato del suo futuro: "Sono ancora giovane e spero di fare l'allenatore per molti anni ancora. Ci sono tanti campionati che sono interessanti ed io sono aiutato dal fatto che parlo diverse lingue. Sono arrivate diverse offerte dall'estero e ne sono lusingato, preferisco però fermarmi un po' per ricaricare le batterie. Se ci sono stati contatti con l'Italia? I contatti ci sono sempre".

L'ex tecnico del Chelsea ha commentato la decisione di Guardiola di andare ad allenare in Bundesliga: "Parliamo di uno degli allenatori più bravi al mondo, credo che abbia fatto una buona scelta, lui ed il Bayern possono formare un mix vincente".

Di Matteo ha anche fatto un accenno a Drogba e Lampard, due campioni accostati a squadre italiane nelle ultime settimane: "Lampard sta molto bene fisicamente ed è un professionista oltre che un grande giocatore. Drogba ha una certa età ma può fare un altro paio di anni ad altissimi livelli".

Infine la 'sua' Lazio: "Sono rimasto molto legato e sono contento per quello che sta facendo con Petkovic".

Sullo stesso argomento