thumbnail Ciao,

Il patron granata punta l'obiettivo su Almiron ed accenna ad un possibile rinforzo dal Sudamerica. E sul rinnovo di Bianchi ha le idee chiare: "Ci sta, ma solo a certe cifre".

Dalle pagine di 'Tuttosport', Urbano Cairo parla del calciomercato del Torino, precisando quale sarà la linea seguita dal club granata in quest'ultima fase della sessione invernale: "Non compreremo tanto per spendere. Se arriverà qualcuno, sarà solo per garantirci il salto di qualità".

Ed il pensiero non può che andare ad Almiron: "L'ho chiesto più volte al Catania, ma non lo danno. Quella etnea è una società ambiziosa e vuol tenere i migliori giocatori. Ho parlato con Gasparin, con un altro dirigente, Bonanno, ma non c'è stato nulla da fare. Vedremo da qui ai prossimi giorni. E' dura: se riusciremo a prenderlo, sarà la ciliegina sulla torta, altrimenti ci accontenteremo delle fragole", ha detto Cairo.

Che ha poi parlato della questione Bianchi: "A Rolando ho mandato un messaggio che gli avrà fatto piacere. A febbraio, ci vedremo e discuteremo del rinnovo. E' ovvio che le cifre del 2008 sono irripetibili per quelli che sono i giorni d'oggi", ha puntualizzato il patron granata.

"Brighi? Lo stimo, ma non tengo nessuno controvoglia - ha continuato Cairo - Verdi è un ragazzo dalle doti importanti, ma aveva bisogno di giocare. Come pure ne avrebbe Gomis, il nostro attuale secondo portiere, che con Ventura ha fatto progressi importanti e che dovrebbe metterli in mostra".

E sempre rimanendo in tema mercato: "Sto facendo di tutto per accontentare Ventura, come dimostrano gli 1,8 milioni spesi per Barreto. Magari arriverà un rinforzo anche in ottica futura, qualcuno che in questi cinque mesi possa adattarsi ed imparare la lingua, per poi farsi trovare pronto il prossimo anno. Il nostro osservatore, Zavagno, mi ha mandato una lista di 15 nomi dal Sudamerica", ha concluso il Presidente del Torino.

Sullo stesso argomento