thumbnail Ciao,

Il club rossonero resta sempre in attesa di sviluppi per quanto riguarda i big d'attacco, ma intanto studia nuove soluzioni di scambio per altri reparti.

Il Milan è sempre in attesa di nuovi sviluppi sul fronte Mario Balotelli e Kakà, rimanendo anche con l'orecchio teso verso la Cina per quanto riguarda Didier Drogba. Nel frattempo però in via Turati si studiano nuove soluzion di scambio: torna di moda l'ipotesi Zaccardo-Mesbah con il Parma e spunta l'idea Amelia-Viviano con la Fiorentina. Sul fronte cessioni potrebbe essere ancora sacrificabile Robinho per far cassa.

La pista che porta a Balotelli è sempre complicata, ma con il passare dei giorni potrebbe rivelarsi più fattibile. Il Manchester City sembra infatti aver abbassato il prezzo, originariamente fissato a ben 37 milioni di euro. Lo sceicco adesso chiede 24 milioni, con rateizzazione. Adriano Galliani non vorrebbe andare oltre il prestito, ma si resta in attesa di ulteriori passi in avanti nelle prossime ore.

In serata l'agente di 'Supermario' è volato a Manchester per un nuovo incontro con la dirigenza del City, con il giocatore fermo ai box per una brutta influenza. Il giocatore non si allena da tre giorni e sembra avere già la testa a Milano, oltre al fatto che la villa nella città inglese è già stata messa in vendita.

Sul fronte Kakà invece il Real Madrid tiene duro, nonostante la consapevolezza dell'enorme fardello di 40 milioni lordi del restante contratto del giocatore. Lo stesso 'Ricky' sembra demoralizzato in questo periodo, ma l'amministratore delegato rossonero non vuole spendere soldi per il cartellino di un 30enne, nonostante il forte apprezzamento del presidente Silvio Berlusconi, che preferirebbe il ritorno del brasiliano all'acquisto di Balotelli.

Intanto la terza opzione Drogba viene utilizzata come piano di riserva: l'ivoriano chiede un ingaggio di 10 milioni netti per 18 mesi, l'a.d. rossonero si è fermato a proporne 8 per lo stesso periodo. Restano comunque vivi i rapporti con lo staff del giocatore, che ha iniziato l'iter per arrivare alla rescissione con lo Shanghai.

Per arrivare a questi big il Milan ha bisogno di fare ancora cassa: il nome più sacrificabile resta sempre quello di Robinho, che è già stato ad un passo dal ritorno in Brasile. La cessione del brasiliano permetterebbe al Milan di incassare altri 10 milioni, stando alle richieste della dirigenza rossonera. Il Santos si era fermato a 9, ma adesso spunta anche l'ipotesi Fenerbahce. Sembra difficile che il giocatore possa preferire la soluzione turca, ma questo potrebbe essere un ostacolo aggirabile.

Con i soldi di Robinho il Milan potrebbe cominciare a trattare seriamente con il City, cominciando a versare la prima rata per il cartellino del centravanti azzurro, che ammonta attualmente a 28 milioni di euro circa. Cifra che potrà essere coperta definitivamente con altre cessioni nelle prossime stagioni (Mexes e Boateng ad esempio). In alternativa i soldi del centravanti carioca potrebbero essere investiti su Kakà, per accontentare definitivamente le pretese del Real Madrid.

Nel frattempo però si studiano altre ipotesi di scambio nei piani alti della dirigenza del 'Diavolo'. Torna di moda con il Parma lo scambio Mesbah-Zaccardo: l'algerino, attualmente impegnato in Coppa d'Africa con la sua Algeria, ha fatto sapere di gradire la maglia emiliana. Stesso discorso per Zaccardo, che ovviamente si trasferirebbe di corsa a Milano: l'unico intoppo è rappresentato dalla lunghezza del contratto del giocatore italiano, che vorrebbe ben più del biennale proposto dal Milan. In ogni caso la trattativa resta ben avviata, a prescindere dalla possibile cessione di Abate in Russia.

Ma anche tra i pali si sta muovendo qualcosa. Il Milan non è convinto del rendimento dei propri portieri e sta lavorando con la Fiorentina per uno scambio Amelia-Viviano, dopo aver sondato anche l'ipotesi Stekelenburg, che resterà a Roma almeno fino a giugno. Non è stata ancora intavolata nessuna trattativa con la società viola, ma questa ipotesi non è da sottovalutare.

Infine resta sempre vivo l'interesse per il baby Bartosz Salamon del Brescia. Il classe '91 fa parte della scuderia Raiola e per lui i rossoneri sono pronti a versare due milioni e mezzo per la metà, anche se il club lombardo ne chiede tre. Per il mediano c'è da battere anche la buona concorrenza del Napoli.

Sullo stesso argomento