thumbnail Ciao,

L'operazione Llorente assicura un rinforzo di livello a parametro zero e non porta via risorse per il cartellino: ora la Juventus può tentare il colpaccio per giugno.

Il colpo tanto atteso è finalmente arrivato, l'annuncio è stato dato lunedì 22 gennaio per bocca del direttore generale Beppe Marotta: il prossimo anno Fernando Llorente vestirà di bianconero. La Juventus ha infatti chiuso l'accordo con gli agenti dell'attaccante basco, che si legherà alla Vecchia Signora per le prossime quattro stagioni. Il bomber dell'Athletic Bilbao arriverà a Torino solo a luglio, stanti le resistenze del club di Urrutia nel lasciarlo libero di trasferisi alla corte di Conte già a gennaio.

L'operazione Llorente rappresenta un esempio lampante di quello che è il modus operandi sul mercato da parte di Marotta, abile a portare a casa l'obiettivo quando si tratta di lavorare di fino senza dover mettere sul piatto cifre ipeboliche, peraltro mai avute realmente a disposione dal dirigente bianconero neppure durante la sua esperienza alla Sampdoria.

Da Pazzini a Pogba, da Cassano a Barzagli tanti sono i casi che testimoniano l'abilità marottiana nel concludere operazioni low cost, ma decisamente high quality. Abilità pienamente confermata dall'affare Llorente.

L'attaccante basco, ventotto anni tra un mese, arriverà infatti a Torino a zero euro, persuaso dalla bontà del progetto Juve ma anche, e forse soprattutto, dal lungo corteggiamento di Marotta, convinto che sia proprio il basco l'uomo che manca per completare un reparto offensivo decisamente a corto di muscoli e centimentri.

Llorente non rappresenta di certo l'uomo da venti goal a stagione, ma nonostante la stazza, ha dimostrato in questi anni di essere un attaccante estremamente capace anche quando si tratta di dialogare nello stretto. Capacità messa in mostra abitualmente sia con il club che con la nazionale spagnola.

JUVENTUS - IL PUZZLE ATTACCO PER IL 2013/2014
Giovinco Vucinic
Llorente ?

(Top Player?)
?
(Immobile o
Gabbiadini?)

L'arrivo di Llorente a parametro zero permetterà inoltre alla Juve di non dissipare l'eventuale tesoretto del prossimo mercato già a gennaio, consentendo ai dirigenti della Vecchia Signora di guardarsi intorno per proseguire nella caccia di un uomo che innalzi ulteriormente il tasso di qualità della rosa.

Il sogno di Marotta resta Jovetic, seguito vanamente la scorsa estate, ma che il prossimo luglio potrebbe davvero decidere di lasciare Firenze, specie nel caso in cui i viola non dovessero riuscire a centrare la qualificazione in Europa. La clausola fissata da Della Valle è salata, e il patron gigliato di certo farà di tutto per non cedere il montenegrino proprio agli odiati gobbi.

La volontà del giocatore però potrebbe anche in questo caso risultare decisiva, e non è un mistero che Jovetic abbia particolarmente apprezzato il corteggiamento di Conte già sei mesi fa. La Juve dal canto suo sarebbe pronta al grande sacrificio economico, sacrificio che peraltro potrebbe essere quasi interamente ammortizzato tramite le cessioni di Matri e Quagliarella, ormai ai margini del progetto bianconero.

Con le scontate conferme di Vucinic e Giovinco, l'attacco di Madama assumerebbe così le fattezze di un reparto da top club europeo, reparto che potrebbe magari essere completato grazie al ritorno alla base di uno tra Immobile e Gabbiadini, vanamente inseguiti già in questa finestra di mercato per rimpiazzare il lungodegente Bendtner.

Cinque attaccanti per continuare a vincere in Italia, cinque attaccanti per provare a volare anche in Europa. I tifosi bianconeri possono davvero iniziare a sognare...

Sullo stesso argomento