thumbnail Ciao,

Cairo e Petrachi daranno un nuovo assalto ad Almiron, obiettivo richiesto da Ventura. Il Catania non tratta per meno di 3 milioni, in alternativa si punta a Kurtic del Palermo

Caccia ad Almiron. Giampiero Ventura ha da tempo individuato il rinforzo ideale per colmare la lacuna a centrocampo del suo Torino: si tratta di Sergio Almiron, centrocampista argentino di proprietà del Catania. Cairo e Petrachi hanno già sondato il terreno in più occasioni, facendo leva sulla scadenza del contratto del giocatore, ossia giugno 2014. La risposta della società etnea, però, è stata chiara: Almiron è incedibile.

Le speranze tuttavia, come spiega 'Tuttosport', in casa granata non sono andate perse: l'argentino è incedibile, a meno di un'offerta importante. Il Catania non vuole scendere sotto i 3 milioni, mentre il Toro valuta Almiron 1,5/2 milioni di euro. Per questo motivo, i dirigenti granata si stanno guardando attorno, e pare abbiano già pronta l'alternativa: si tratta di Jasmin Kurtic, centrocampista sloveno classe 1989 di proprietà del Palermo.

Petrachi aveva già messo gli occhi su di lui in estate, ammaliato dal rendimento mostrato la scorsa stagione in serie B con il Varese. Oggi Kurtic è un uomo mercato: su di lui ci sono il Chievo, che vorrebbe inserire la metà del suo cartellino nell'affare Sorrentino, ed il Genoa, che nel frattempo s'è cautelato acquistando Olivera dalla Fiorentina.

La sensazione è che Cairo e Petrachi abbiano già stabilito il piano: nei prossimi giorni ci sarà un ultimo approccio con il Catania per trattare Almiron e, se l'esito dovesse essere negativo, a quel punto i dirigenti granata daranno l'assalto a Jasmin Kurtic, sperando, o meglio gufando, che il Palermo resista nel non inserirlo nella trattativa con il Palermo.

Alternative? Seymour, in uscita dal Genoa, potrebbe essere facilmente acquistabile, ma il cileno non convince appieno Ventura. Anche Donadel, che a Napoli non trova spazio, non è il centrocampista ideale per il tecnico granata. Più interessanti, invece, le opzioni Mariga, proprietà Inter, e Tissone, sotto contratto con la Sampdoria, ma l'ingaggio percepito dai due scoraggia l'idea di un possibile acquisto.

Guardando in casa Torino, oltre all'enigma Rolando Bianchi, il cui contratto scadrà tra pochi mesi, un altro giocatore in bilico è Gianluca Sansone. Il fantasista mancino gode di grande mercato, ma le offerte giunte sino ad ora non convincono Cairo: infattibile uno scambio con Pozzi e Acquafresca, non convince, invece, lo scambio con Marco Rigoni, proposto dal Chievo. I dirigenti preferirebbero un'offerta cash, non meno di 1,5 milioni. Intanto, però, Sansone è pronto a vivere una giornata cruciale a Pescara, dove si gioca un posto dal primo minuto con il neoacquisto Barreto.

Sullo stesso argomento