thumbnail Ciao,

L'ad rossonero ha in agenda un appuntamento con Florentino Perez: il Milan pensa al prestito gratuito di 30 mesi, ma prima si dovrà sciogliere il nodo ingaggio.

La prossima settimana potrebbe essere finalmente quella giusta. Quel del ritorno del 'figliol prodigo', Kakà, al Milan. Galliani ha praticamente prenotato il volo per Madrid, un volo rigorosamente low cost, come prevede la nuova politica rossonera. Martedì è fissato l'incontro con Florentino Perez, poi la trattativa entrerà nel vivo.

Il Milan, però, non ha fretta. Kakà è già stato a Milano per sottoscrivere - come riportato ieri in esclusiva - un preaccordo di rientro in casa rossonera utile più che altro a mettere pressioni al Real Madrid. La dirigenza rossonera è ottimista sul fatto che 'Ricky' non farà lo stesso errore dell'anno scorso, e accetterà quindi di ridursi il suo faraonico stipendio da 10 milioni di euro.

Il prestito gratuito con diritto di riscatto è la formula che il Milan vuole attuare. Ma la nuova idea - evidenziata dalle pagine della 'Gazzetta dello Sport' - è quella di prendere il brasiliano sempre in prestito gratuito, ma per 30 mesi, cioè fino alla fine del suo contratto col Real Madrid del 2015. In questo modo le Merengues risparmierebbero circa 40 milioni di euro lordi, destinati altrimenti al salario di Kakà.

Ovviamente, però, la prime cosa da risolvere sarà il nodo ingaggio: il brasiliano sarebbe disposto a scendere fino a 7,5 milioni, ma per il Milan non è comunque sufficiente. Galliani e Berlusconi hanno seguito una determinata linea, ed a meno di dietrofront dell'ultimo minuto, la dirigenza del Diavolo non vuole concedere stipendi superiori ai 5 milioni di euro.

Sarà quindi da questo che dipenderà la partenza o meno di Galliani. Se Ricky è disposto a sacrificare qualche milioncino per tornare al suo Milan, allora l'ad rossonero salirà sul volo per Madrid martedì. Dipenderà tutto dal brasiliano, anche perchè il Real - che dal Milan lo acquistò per ben 67 milioni - non è disposto a fare sconti o a concedere aiutini sugli emolumenti.

Insomma il Milan gli ha spalancato le porte nuovamente le porte, ora toccherà a Kakà entrare. C'è tempo fino al 31 gennaio, ma l'ottimismo in Via Turati è palpabile. Martedì è vicino.

Sullo stesso argomento