thumbnail Ciao,

L'allenatore alsaziano ha parlato del suo pupillo, Cesc Fabregas, aprendo ad un possibile ritorno: "Uno come lui non si trova facilmente, è un giocatore di classe mondiale"

Cesc Fabregas come Henry? Sì, in futuro potrebbe accadere. A rivelarlo è lo stesso manager dell'Arsenal, Arsene Wenger, che non esclude un possibile ritorno del centrocampista del Barcellona in futuro: "Cesc ama questa squadra, segue ogni partita e per questo non posso eslcudere che in futuro torni a vestire la maglia dei Gunners".

Francesc Fabregas è da sempre stato un pupillo di Wenger: fu portato a Londra a 16 anni proprio per volontà del manager, giocò la prima finale di Champions League a 18 anni e divenne capitano dell'Arsenal a soli 20 anni. Il rapporto tra i due è molto forte e proprio per questo il manager francese non vuole chiudere le porte ad un ritorno: "Barcellona è la sua città, è molto legato, ed è ovvio che almeno per i prossimi tre anni non si muoverà. Ma più avanti mi piacerebbe tornasse, uno come lui non si trova facilmente, è un giocatore di classe mondiale".

L'allenatore alsaziano ha spiegato anche le difficoltà nel trattenere i giocatori di qualità: "Oltre a trovare i giocatori talentuosi, oggi è difficile anche trattenerli. Prima si riusciva a mantenere in rosa un giocatore per otto o nove anni, proprio come successo con Henry e Vieira, mentre nel calcio moderno, a meno che siano inglesi, è praticamente impossibile".

Sullo stesso argomento