thumbnail Ciao,

L'amministratore delegato all'uscita dalla sede di via Turati: "Nessun interesse per Stekelenburg. Abate e Antonini dovrebbero rimanere"

"Kevin Prince Boateng non si muove, resta al Milan". Arriva perentoria la chiusura di Adriano Galliani ad una possibile cessione del centrocampista ghanese, che è stato nel primo pomeriggio in via Turati per discutere dell'offerta presentata dal Galatasaray per il suo cartellino.

All'uscita dalla sede rossonera l'amministratore delegato del Diavolo ha escluso che dopo Pato possa andar via anche un altro dei big della rosa milanista: "Boateng non è in vendita, nessuno lo ha mai chiesto e se ce lo chiedessimo diremmo di no, pensate che ha soltanto 25 anni, fa parte del presente e del futuro. Oggi lo abbiamo ribadito, resta con noi. Il Galatasaray l'altro giorno è venuto qua più per altre cose, non riguardava nessun giocatore del Milan. Qui sono venuti solo per visita di cortesia".

Conferme invece sull'interesse del Milan per Francesco Lodi, corteggiato in questi giorni anche dall'Inter: "Dopo l'infortunio di De Jong ci abbiamo provato ma il Catania ci ha detto no. Vedremo, comunque è un giocatore che stiamo seguendo, ci piace. A giugno? Non lo so, adesso è presto".

Galliani ha poi fatto il punto anche sulle altre possibili operazioni in entrata e in uscita: "Stekelenburg? Non ci interessa. Destro? Al momento è impossibile. Abate? Lo Zenit ha fatto un'offerta, abbiamo detto di no. Antonini non andrà via. Zaccardo non arriva, assolutamente no. Stasera vado a cena con Preziosi, ma non per parlare di mercato. Perin è un bel portiere, ma ne abbiamo già 4. Abbiati è uno della famiglia, ha costruito la sua polizza a vita a Perugia e con quel polpaccione sul tiro di Kallon nella semifinale contro l'Inter..."

La linea del Milan però sarà quella dei giovani, il colpo Saponara ne è la dimostrazione: "Mi ricorda Kakà, domani svolgerà le visite mediche. Magari in molti mi prenderanno per pazzo ma a me ricorda davvero Kakà. Un attimo di pazienza però. Da luglio vestirà la maglia del Milan. Petagna e Cristante verranno integrati in prima squadra l'anno prossimo. Il Milan deve ripartire dai giovani, ne stiamo seguendo tanti e Niang è uno dei prototipi".

Infine sulla presenza di Allegri in via Turati: "Massimiliano vive la sede, gli abbiamo dato una casa vicina alla sede proprio perchè deve vivere la sede del Milan. Ci parliamo cinque o sei volte al giorno, neanche con una donna ho mai parlato tante volte".

Sullo stesso argomento