thumbnail Ciao,

L'agente dell'esterno del Napoli svela: "L'operazione era condizionata al trasferimento di Mesbah, ma essendo stato convocato per la Coppa d'Africa, non si può muovere...".

Protagonista domenica del faticoso successo del Milan contro il Siena, Bojan Krkic si dice felice di essere parte della famiglia rossonera, ma non si sbilancia sul suo futuro: "Il mercato non è il mio lavoro, il mio è impegnarmi ogni giorno e dare il meglio di me".

"Se Galliani mi riscatterà? Ho detto dall'inizio che sto bene qui, mancano cinque mesi, devo giocare e allenarmi e vedremo cosa succede", è l'enigmatica risposta del cugino di secondo grado di Messi.

Dal canto suo, anche l'Ad rossonero fa catenaccio totale sulla questione: "Del riscatto ancora non parlo". Meglio piuttosto elogiare le qualità del giovane attaccante spagnolo: "Può essere micidiale quando entra nella ripresa, come altri nel passato, ad esempio Altafini che così ha fatto vincere tanti scudetti alla Juve".

E' allora la 'Gazzetta dello Sport' ad addentrarsi nelle pieghe contrattuali della situazione del giocatore, spiegando come il Milan sia intenzionato a riscattarlo, ma non al prezzo pattuito dal Barcellona tuttora proprietario dell'intero cartellino: se i catalani concederanno uno sconto rispetto ai 14 milioni che erano stati pattuiti quando i rossoneri avevano 'rilevato' il prestito di Bojan dalla Roma, allora se ne potrà parlare...

Intanto arriva dalla bocca di Roberto La Florio, agente di Andrea Dossena, una bella rivelazione che riguarda da vicino il Milan: "Il Palermo? Non è ancora fatta. Andrea è stato molto vicino al Milan, sia a giugno, sia ultimamente. Il Milan ha sempre apprezzato il giocatore, ma in quel ruolo ha abbondanza sotto gli occhi di tutti. L'operazione era condizionata al trasferimento di Mesbah, ma essendo stato convocato per la Coppa d'Africa, non si può muovere e il Milan non può prendere Dossena. Il Palermo si è fatto avanti, siamo in dirittura...".

Sullo stesso argomento