thumbnail Ciao,

L'allenatore partenopeo ha sottolineato la forza della Roma, avversario di domani: "In due anni ha fatto grandi acquisti, con il giusto mix fra giovani e campioni esperti".

Il tecnico del Napoli, Walter Mazzarri, ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del big match di campionato contro la Roma di Zdenek Zeman. L'allenatore partenopeo non si è sbilanciato sui temi di calciomercato, preferendo concentrarsi sull'importante sfida del San Paolo.

"Armero? Quando sarà un giocatore del Napoli dirò la mia. - ha affermato - Il mercato? Non rispondo, come fa Zeman. Noi dobbiamo fare gli allenatori. Di mercato non voglio parlare, se ne occupano il Direttore sportivo e il Presidente. Se le cose sono fatte con razionalità d'estate il mercato di gennaio può incidere poco, non farà la differenza da qui alla fine".

Il tecnico di San Vincenzo è convinto che la pausa per le festività natalizie possa aver giovato ai suoi giocatori. "Ho la sensazione che la sosta abbia fatto bene alla squadra. - ha dichiarato - Qualche giocatore che era più stanco ha avuto modo di riposare".

Il discorso si sposta poi rapidamente sulla partita del San Paolo, con l'allenatore partenopeo che ha sottolineato il potenziale dell'avversario di giornata. "Domani non si affronteranno Mazzarri e Zeman - ha sottolineato - ma Napoli e Roma. Mi aspetto una bella partita fra due squadre pimpanti. La Roma è fortissima, bisognerà essere concentrati. A livello di organico ha fatto grandi acquisti negli ultimi anni, creando il giusto mix fra giovani forti e campioni già affermati. E il calcio di Zeman è propositivo, con idee importanti. Ma noi avremo le nostre chances".

"So che al San Paolo ci sarà il pubblico delle grandi occasioni, - ha continuato - e questo mi fa piacere. Dovremo giocare al massimo per superare la squadra giallorossa".

Gli azzurri dovranno fare a meno di capitan Cannavaro e Grava, squalificati dopo la sentenza su Scommessopoli. "Grava e Cannavaro sono due ragazzi eccezionali. - ha detto Mazzarri - Gianluca poteva svolgere il ruolo di Aronica, nel subentrare all'occorrenza quando ce ne fosse stato bisogno. Spero che gli tolgano la squalifica il prima possibile".

Chi scenderà in campo, garantisce il tecnico toscano, saprà comunque essere all'altezza. "Gamberini, Britos e Campagnaro hanno già dimostrato di poter giocare insieme. - ha spiegato Mazzarri - Domani sono curioso di vedere come si comporteranno contro un attacco così forte come quello della Roma. Anche se ovviamente dobbiamo parlare sempre di fase difensiva, che comprende anche il centrocampo e gli esterni".

Nessun dubbio nello schierare il difensore argentino, nonostante a giugno andrà all'Inter. "Basta che ci sia il contratto, al di là del rinnovo. E' un professionista serissimo, - ha garantito Mazzarri - gli ho parlato più di una volta e mi ha sempre detto che fin quando sarà a Napoli darà il massimo. Domani giocherà. In una difesa a quattro? Noi abbiamo dei meccanismi ormai consolidati, non cambieremo"

Per quanto riguarda l'attacco, Mazzarri preferisce invece tenersi il ballottaggio Insigne-Pandev. "Ieri Lorenzo l'ho visto bene. Devo fare delle scelte. Anche Pandev scalpita per giocare, oggi deciderò".

Infine il suo parere sui cori razzisti di Pro Patria-Milan e quanto accaduto dopo. "Il razzismo è un problema da debellare a livello mondiale. - ha affermato Mazzarri - La cattiveria, le volgarità e le offese che si sentono negli stadi andrebbero assolutamente combattute. Bisognerebbe fare qualcosa di importante, ma non possiamo prendere noi allenatori o i giocatori certe decisioni. Servirebbe una giuria appositamente costituita".

Sullo stesso argomento