thumbnail Ciao,

Intanto Barbara Berlusconi o nega con fermezza che la sua situazione personale abbia interferito con le vicende professionali di Pato o con le strategie del Milan.

Scorrono i titoli di coda sulla storia tra Alexandre Pato e il Milan: stamattina il brasiliano appena ceduto al Corinthians per 15 milioni si è recato per l'ultima volta a Milanello per salutare i suoi ormai ex compagni. E chissà che, come ha svelato Silvio Berlusconi, si tratti soltanto di un arrivederci, ed il 'Papero' possa fare ritorno al Diavolo bello risanato tra qualche anno.

Particolarmente toccante il saluto alla squadra prima dell'allenamento, Pato ha rivolto parole sentite ai compagni riuniti in semicerchio intorno a lui: "Sono stati cinque anni e mezzo alla grande con tutti voi. Sarete sempre nel mio cuore. Adesso vi guarderò da lontano, ma sono sicuro che, con voi, il Milan continuerà ad essere grande e a vincere tutto". Sono poi seguiti abbracci commossi con tutti e l'abbandono del centro sportivo rossonero.

Quello che è certo è che non finirà invece la storia d'amore tra il giocatore e la figlia del presidentissimo rossonero, come confermato dalla stessa Barbara all'Ansa.

"Se ho tentato di trattenere Pato? "Ho sempre anteposto l'interesse del club a quello privato - premette la Berlusconi, negando qualsiasi intromissione 'presonale' - E, così come l'anno scorso, mi sono tenuta totalmente fuori dalla vicenda. Pato non andò al Paris Saint Germain semplicemente perchè mio padre e il giocatore non erano convinti del trasferimento".

"Come faremo adesso? Siamo una coppia felice e serena. La distanza Milano-San Paolo non ci spaventa. Figuriamoci se ci poteva spaventare, come qualcuno ha scritto, quella Milano-Parigi...", ha concluso Barbara.

Sullo stesso argomento