thumbnail Ciao,

Il presidente del club abruzzese apre alla partenza del gioiellino colombiano e fa il punto sulle trattative Kozak e Barreto, entrambe in corso di svolgimento.

"L'intenzione è intervenire in tutti i reparti". Daniele Sebastiani annuncia la rivoluzione di gennaio. Dal mercato di riparazione, stando alle sue parole, uscirà un Pescara tutto nuovo, più forte e più competitivo in ottica salvezza, che rimane l'obiettivo imprescindibile per gli abruzzesi.

"Siamo partiti a giugno con una squadra completamente nuova e non tutto ha funzionato - le parole del patron a 'Radio Sportiva' - A gennaio c'è la possibilità di rimediare e questo è il nostro obiettivo".

Entrando più nello specifico, si passa ad affrontare la questione Kozak: "A noi interessava anche due anni fa. E' un nostro vecchio amore, ma evidentemente è un amore anche di Lotito visto che non lo molla. Dispiace perché meriterebbe di giocare di più. Noi glielo abbiamo chiesto, vediamo nei prossimi giorni".

Per sbloccare la trattativa, si potrebbe pensare ad un inserimento del gioiello Quintero: "Ne abbiamo diversi di giovani interessanti. Può essere l'arma per arrivare a giocatori che ci servono, ma con la Lazio non è semplice trattare perché con Lotito si fatica a ragionare".

Più facile, forse, arrivare al brasiliano Barreto: "Con l'Udinese c'è un ottimo rapporto, stiamo ragionando con loro sia di Barreto che di Quintero. Da lunedì vedremo".

Per Quintero, ad ogni modo, c'è la disponibilità del Pescara a cederne "la metà, per arrivare eventualmente a qualcosa che può interessarci. Lo avevamo fatto anche con la Juventus lo scorso anno per Verratti, poi l'affare non è andato in porto. Il colombiano piace tanto anche alla Fiorentina, e con Pradè c'è un ottimo rapporto".

Sullo stesso argomento