thumbnail Ciao,

Il tecnico del Chievo spiega: "Se il mio 4-3-3 si ispira a quello di Guardiola? Il calcio non è fatto di moduli ma di conoscenze".

Tre vittorie nelle ultime quattro gare di campionato. E' questo l'ottimo cammino che, nelle ultime settimane, ha permesso al Chievo di allontanarsi dalle zone calde della classifica. La compagine clivense ha ora sei punti di vantaggio sul Palermo terzultimo e si è messo alle spalle un gran numero di squadre.

Tra i grandi artefici dell'ottimo finale d'annata del Chievo, non si può non menzionare Eugenio Corini che, intervistato ai microfoni di Sky, ha spiegato: "Se il mio 4-3-3 si ispira a quello di Guardiola? Il calcio non è fatto di moduli ma di conoscenze. Ognuno di noi ha un rapporto diverso con il calcio, la cosa importante è saperlo plasmare".

Corini non ha lesinato complimenti ad un collega in particolare: "Montella è stato una grande sorpresa per me. Abbiamo fatto insieme il corso da allenatori a Coverciano e si vedeva che aveva una gran voglia di studiare. Aveva grande passione per questo mestiere e si è messo sotto".

Infine un accenno al calciomercato: "Spero che Andreolli resti con noi fino alla fine della stagione. Sia lui che Sorrentino sono giocatori molto importanti per il Chievo".

Sullo stesso argomento