thumbnail Ciao,

Il Direttore sportivo della società azzurra fa il punto sulle numerose operazioni, sia in entrata che in uscita, che vedranno De Laurentiis darsi parecchio da fare a gennaio.

Mai come quest'anno il Napoli ha svelato con parecchio anticipo - per bocca dello stesso presidente De Laurentiis - che si muoverà parecchio sul mercato, sia in entrata che in uscita. Il motivo sta soprattutto nelle pesanti squalifiche di Cannavaro e Grava, come spiega Riccardo Bigon a 'Repubblica'.

"Faccio una premessa. Stiamo cercando qualcosa solo per 'colpa' della squalifica di Cannavaro e Grava. Magari un difensore che possa essere duttile tatticamente come Gamberini. Astori? E' un buon giocatore, ci piace. Ma ce ne sono altri che seguiamo in Italia. Sia chiaro: compreremo solo alle nostre condizioni. Arriva Armero? Questo io non glielo dico. Avanti con la prossima...".

Capitolo cessioni, il Ds azzurro mette due stop netti: "Campagnaro e Fernandez non si muovono fino a giugno. Dossena? Siamo in un momento della stagione in cui alcuni giocatori, impiegati poco, chiedono di avere maggiore continuità. Se troviamo la giusta soluzione per il Napoli, lo accontenteremo. Donadel? Stessa considerazione. Se individuiamo l'innesto che fa al caso nostro, possiamo anche sostituirlo".

Ma il nome più 'pesante' in uscita è ovviamente quello del deludentissimo Eduardo Vargas. Bigon conferma che il cileno sarà mandato altrove, per lui la bocciatura di Mazzarri pare irreversibile, anche se trovare qualcuno che se lo accolli a titolo definitivo pare impresa disperata... "L'adattamento al calcio italiano e alla vita di tutti i giorni si sono rivelati più difficili del previsto. Ma il talento c'è. Sarà girato in prestito. Abbiamo diverse soluzioni in Europa o in Sudamerica e individueremo la migliore per la sua crescita".

Chiusura sull'orgoglio di Napoli, Edinson Cavani: "Leader? Lo dimostra in campo e durante gli allenamenti. Lo vedo tutti i giorni e so quanto sia importante per questa squadra. Il viaggio che ho fatto a Cardiff con il presidente è stato decisivo per il suo rinnovo. Abbiamo gettato le basi per il buon esito della trattativa. Obiettivi? Vogliamo restare competitivi. Il difficile è sempre ripetersi...".

Sullo stesso argomento