thumbnail Ciao,

L'agente ha la procura dei due attaccanti, che potrebbero avvicendarsi in rossonero, e grazie ai suoi buoni uffici in Olanda ha avuto mandato di trattare il mediano con il Psv

Rischia ancora una volta di essere l'uomo da Nocera Inferiore il vero uomo-mercato del Milan: Mino Raiola si prepara a vivere un gennaio fitto di impegni e di possibili trattative, tutte legate all'ambiente rossonero. Il rapporto con Galliani, anche dopo l'addio di Ibrahimovic, resta solido e l'agente FIFA sembra destinato a giocare un ruolo chiave nelle manovre del club di via Turati.

Tutto parte dalla cessione di Robinho, che ha manifestato la volontà di tornare in Brasile e che con tutta probabilità riuscirà a coronare il proprio sogno di riprendersi la maglia del Santos. A curare gli interessi dell'attaccante brasiliano è proprio Raiola, che nell'estate del 2010 portò in rossonero Binho e Ibra per un doppio colpo sul gong passato alla storia. A metà dicembre Galliani ha dato mandato a Mino di volare in Brasile per avere i primi incontri con i club interessati al numero 7 rossonero.

I soldi incassati dalla cessione di Robinho e da quella di Pato il Milan dovrà reinvestirli sul mercato e qui torna ancora in ballo il procuratore campano: tra i suoi assistiti infatti c'è Mario Balotelli, grande sogno dei rossoneri, obiettivo più o meno conclamato per l'attacco.

Per il centrocampo invece piace da tempo Kevin Strootman, stella del Psv e non a caso da Natale Raiola è in Olanda: è a lui che Galliani si affida per limare le richieste del club di Eindhoven, che non intende scendere al di sotto dei 12-15 milioni di euro per il suo gioiello.

Sullo stesso argomento