thumbnail Ciao,

L'acquisto a gennaio di una punta è sempre più una priorità per Pradè e Macia, che hanno sondato il campo con l'Udinese. Ma non è facile convincere i friulani...

Se già prima delle convocazioni del Ct del Marocco per la Coppa d'Africa, in casa Fiorentina la priorità in vista del mercato di gennaio era mettere a disposizione di Montella un attaccante che ne completasse lo splendido mosaico e - perchè no? - consentisse di puntare con ancora maggior decisione alla Champions League, ora la necessità si è fatta ancora più impellente.

E' accaduto infatti che El Hamdaoui, finora deputato a dividersi con il redivivo Toni il peso dell'attacco al fianco di Jovetic, è stato chiamato per la competizione che si svolgerà dal 19 gennaio al 10 febbraio prossimi, creando un ulteriore buco nella rosa viola.

Pradè e Macia dunque devono muoversi e devono farlo anche con una certa fretta: parecchi nomi sul taccuino della dirigenza gigliata, da Ricky Van Wolfswinkel, il cui tempo allo Sporting Lisbona sembra esaurito, all'ex milanista Pierre-Emerick Aubameyang, esploso al Saint-Etienne, al grande ex Pazzini, che potrebbe essere un altro esubero della rivoluzione rossonera che Galliani sta mettendo in atto.

Ma è il 'Corriere Fiorentino' a piazzare il nome da urlo, quello che potrebbe trasformare - essendo immediatamente 'caldo' per la Serie A - gli ultimi sei mesi della stagione viola in una cavalcata verso l'Europa. Si tratta di Totò Di Natale, che la società viola avrebbe chiesto nelle scorse settimane all'Udinese.

Il gradimento del giocatore ci sarebbe, ma convincere i friulani pare impresa molto difficile, così come per l'obiettivo alternativo individuato nella squadra di Guidolin, ovvero il colombiano Muriel. E' chiaro che in quel caso il discorso è completamente diverso, data l'età del ragazzo, e l'operazione sarebbe in un'ottica di progettualità: possibile che se ne parli più approfonditamente a giugno.

Sullo stesso argomento