thumbnail Ciao,

Il club 'rubronegro' ha espresso la propria posizione con un comunicato, ammettendo l'incontro con Galliani. Il Milan attende ora le offerte degli altri club interessati

Se sia pretattica o un primo segnale di resa lo scopriremo soltanto nei prossimi giorni ma da Rio de Janeiro non arrivano certo buone notizie per Adriano Galliani, volato in Brasile per le festività natalizie ma soprattutto per chiudere la cessione di Robinho e/o Pato, che hanno espressamente chiesto di tornare a giocare nella loro patria.

Il Flamengo, che sembrava il club più vicino a Binho, è infatti uscito allo scoperto con un comunicato pubblicato sul proprio sito ufficiale nel quale viene chiarita la posizione della società riguardo la trattativa con il Milan per l'ex capitano della Seleçao: "In base alle notizie pubblicate dalla stampa su Robinho per il Flamengo, informiamo che nel giorno 24 dicembre, il nostro futuro vice presidente Wallim Vasconcellos, insieme al gestore delle relazioni estere Flavio Godinho, ha incontrato il signor Adriano Galliani. Con il Milan abbiamo preso informazioni sulle condizioni per un trasferimento di Robinho".

L'esito dell'incontro però non sarebbe stato positivo: "In virtù della valutazione fatta dal Milan, abbiamo deciso di non proseguire nelle trattative per il giocatore, almeno in questo momento. Continuiamo a lavorare comunque sul mercato in più fronti e daremo comunicazioni ufficiali quando sarà necessario”.

Per Robinho il Milan non intende scendere sotto i 10 milioni di euro, cifra che il Flamengo, assicuravano in Brasile, potrebbe coprire grazie alla ricca sponsorizzazione con l'Adidas. In realtà c'è stato qualche intoppo, come si era intuito anche dalle parole dello stesso Galliani, che ieri aveva ammesso di non sapere "se il Flamengo ha i soldi per comprare Robinho".

Adesso l'amministratore delegato rossonero incontrerà il Santos, destinazione preferita del giocatore, ma potrebbero arrivare nelle prossime ore offerte anche dal Fluminense, che vuole regalarsi un grande colpo per festeggiare il titolo vinto, e dal San Paolo, che ha bisogno di un nome che possa riaccendere la tifoseria dopo la dolorosa partenza di Lucas, che da gennaio sarà a tutti gli effetti un giocatore del Psg.

Sullo stesso argomento