thumbnail Ciao,

Tutto ruota attorno al viaggio di Galliani in Brasile e dalla doppia cessione dei due brasiliani. Priorità al rinforzo in difesa, poi il colpo in avanti.

E' un viaggio di lavoro quello di Adriano Galliani in Brasile. Eppure il Sudamerica verdeoro è un luogo molto amato dall’amministratore delegato del Milan. Lo scorso anno tornò a Milano con una foto ricordo, quella scattata con Carlitos Tevez. Sembrava potesse essere una promessa di matrimonio e invece fu un buco nell’acqua perché Berlusconi disse no alla cessione di Pato. Ora, però, le cose sono cambiate.

Il Presidente rossonero non ha più intenzione di bloccare le trattative di Galliani che è pronto a cedere Robinho e Pato solo se ci saranno le condizioni. Che per il primo significano un’offerta più sostanziosa di quella fatta dal Santos di 7 milioni di euro. Il club di via Turati ne vorrebbe almeno 12, ma potrebbe accontentarsi di 10. E di mezzo ci si è messo pure il Flamengo.

Lo stesso numero 7 rossonero, tempo fa, aveva fatto sapere di non avere preferenze sui due club. L’importante pare sia tornare in Brasile. Inoltre, quello di Binho è uno degli ingaggi che al Milan pesa di più, esattamente come quello del Papero. Ecco il motivo per cui anche Berlusconi sembra tentato dalle cessioni, sebbene l’affetto e la stima verso i due giocatori restino immutati.

Il Corinthians neo campione del mondo dopo la vittoria sul Chelsea al Mondiale per Club, è l’unica squadra ad aver espresso il desiderio di voler arrivare a Pato proprio per farsi un regalo dopo il successo internazionale. L’attaccante rossonero sembra invogliato dall’idea anche per cercare di rilanciarsi in vista del Mondiale del 2014 che si giocherà proprio in Brasile. Ecco, dunque, che con la partenza di due giocatori così importanti si aprirebbero degli spiragli interessanti.

Uno su tutti è il plurinominato Didier Drogba. Il calciatore ivoriano è sempre piaciuto molto al Milan, soprattutto a Carlo Ancelotti che poi è riuscito ad allenarlo al Chelsea. Ha 34 anni ma all’interno del club rossonero è stimato e apprezzato. Lo stesso Ambrosini, se potesse, lo porterebbe subito a Milano. E’ vero che ha già 34 anni, ma è anche vero che a questo Milan serve esperienza, soprattutto in Champions League, dove affrontare il Barcellona sarà comunque un’impresa. Ma un leader come Drogba potrebbe far molto comodo alla squadra di Allegri.

Sempre per l’attacco è spuntata l’idea Adel Taarabt. Il 23enne franco-marocchino gioca attualmente nel QPR, ma già nella scorsa stagione era stato seguito da vicino dal Chelsea. Taarabt è dotato di un’ottima tecnica di base, di un fisico imponente e di una spiccata personalità. E’ proprio quest’ultimo aspetto che spaventa un po’ il club di via Turati, anche se il ragazzo ha fatto sapere che lascerebbe la Premier League solo per venire al Milan. Galliani è a stretto contatto con il suo procuratore e il trequartista del QPR al momento rientrerebbe anche nella linea guida segnata dal Presidente riguardo agli Under 23 in rosa.

Per quanto riguarda la difesa, ci sono movimenti in vista di un certo rilievo. I rossoneri stanno puntando dritto su Vlad Chiriches, giovane e promettente difensore romeno della Steaua Bucarest. Guarda caso 23enne pure lui. Certo, anche in questo caso un giocatore di esperienza internazionale non guasterebbe, come ad esempio il 34enne Ricardo Carvalho ai margini con il Real Madrid. Con l’amicizia che c’è tra Galliani e Perez, il difensore portoghese potrebbe anche arrivare in prestito.

Per il momento queste sono le strategie, con la difesa che avrà la precedenza anche perché per l’attacco tutto dipende dal viaggio in Brasile di Galliani, dove sotto l’albero “galleggiante”, considerato uno dei più grandi al mondo, di Rio del Janeiro si augura di trovare due offerte congrue alle richieste rossonere.

Sullo stesso argomento