thumbnail Ciao,

Il club brasiliano si è mosso in maniera ufficiale, la cessione del numero 7 potrebbe rappresentare un sacrificio necessario per il club di via Turati.

Robinho è sempre più la chiave del calciomercato del Milan. La società di via Turati si trova ad un bivio, costretta a bilanciare il valore tecnico del giocatore e le esigenze economiche del club. Se da un lato il brasiliano è considerato da Allegri elemento fondamentale per l'attacco rossonero, dall'altro gli oltre 4 milioni netti d'ingaggio e una valutazione stimabile intorno ai 10 milioni di euro rendono Binho uno dei pochi elementi spendibili sul mercato.

A causare dubbi e riflessioni in casa Milan è soprattutto l'offerta del Santos, che si è mosso in maniera ufficiale per riportare a casa il campione verdeoro: il presidente Luis Alvaro ha confermato di aver presentato un'offerta ai rossoneri e di aver già strappato il sì del giocatore, che non ha mai nascosto la volontà di tornare ad indossare la casacca del 'Peixe'. Non è da escludere che nell'operazione possa rientrare anche il talentuoso Felipe Anderson, trequartista che Braida ha seguito con grande interesse in questi mesi.

L'eventuale cessione di Robinho garantirebbe liquidità fresca per il club di via Turati, che si presenterebbe così ai nastri di partenza del mercato ti gennaio con un tesoretto importante, attorno ai 20-25 milioni di euro. L'addio del brasiliano obbligherebbe Galliani&co. a cercare una punta e Balotelli è ovviamente il nome più caldo, anche se la strada per arrivare a SuperMario resta impervia e per questo viene monitorata anche la situazione di Matri.

Non va dimenticato che il Milan dovrà però guardarsi attorno anche a caccia di un centrocampista che possa colmare il vuoto lasciato dall'infortunio di De Jong: Muntari avrebbe dovuto rappresentare la soluzione interna ma il ghanese a gennaio partirà per la Coppa d'Africa e il solo Ambrosini non può bastare. I preferiti restano Strootman e Nainggolan, più percorribile piste low cost come quelle legate ai genoani Kucka e Tozser.

Sullo stesso argomento