thumbnail Ciao,

La storica rivalità sul mercato tra le due società meneghine si potrebbe ripetere anche quest'anno. L'oggetto comune del desiderio è l'argentino Pastore.

E' una vecchia storia che sta per ripetersi, Inter e Milan continuano nei dispetti reciproci in chiave mercato. Stavolta la pedina che potrebbe riaccendere l'atavica rivalità è Javier Pastore, trequartista argentino che non sta vivendo un bel periodo al Psg.

Dopo il recente caso riguardante Tevez, avvicinato dal Milan nello scorso mercato invernale e su cui l'Inter fece una decisa azione di disturbo, e gli antichi duelli sui nazionali azzurri Nesta e Cannavaro, si preannuncia un nuovo duello.

Due giorni fa infatti, come riportato oggi dalla 'Gazzetta dello Sport', Marcelo Simonian, agente di Pastore, avrebbe fatto visita ai vertici rossoneri in via Turati.  I rossoneri pare stiano lavorando con decisione per ottenere l'ok del centrocampista, in modo da portarlo alla corte di Massimiliano Allegri già a gennaio. Trattativa che sa di rappresaglia per l'inserimento interista su Balotelli, vero obiettivo per l'attacco dei vertici societari di via Turati.

Pastore sarebbe infatti il perfetto alter ego di Sneijder, ormai ai ferri corti con l'Inter, e sull'argentino ormai da settimane è forte il pressing nerazzurro. Il recente inserimento rossonero punta a far uscire allo scoperto i cugini, che dovrebbero così abbandonare definitivamente la pista Balotelli, lasciando campo libero al Milan.

In caso constrario a Milanello potrebbero anche cercare di trovare realmente un accordo con il Psg, che permetta l'effetivo approdo di Pastore in rossonero, la formula sarebbe ovviamente quella del prestito con diritto di riscatto. D'altronde l'argentino è sempre piaciuto ai vertici milanisti, che provarono a prenderlo quando ancora militava nelle file dell'Huracan, ma furono allora bruciati dall'accoppiata Zamparini-Sabatini.

Sullo stesso argomento