thumbnail Ciao,

L'agente Fifa Canovi svela un retroscena: "L'ingresso della cordata cinese ha subito una frenata, ed è da quel momento che si è posto il problema Sneijder...".

Tante parole sono state dette nelle ultime ore, ma la vicenda Sneijder è ben lungi dall'essere risolta ed anche oggi il giocatore olandese, alle prese col braccio di ferro contrattuale con l'Inter, non è stato convocato per il match di Europa League in programma giovedì. contro il Neftçi.

A nulla sono serviti dunque i 'segnali di tregua' lanciati nelle ultime ore da Massimo Moratti all'entourage del giocatore, la cui estromissione dall'elenco dei convocati è stata comunicata prima della conferenza stampa di Stramaccioni, per non mettere evidentemente il tecnico nerazzurro in situazioni di imbarazzo davanti ai media.

Fioccano ovviamente sempre di più le voci su un possibile addio a gennaio dell'olandese, il cui nome viene inserito in mega scambi con altri pezzi grossi del calcio europeo. Uno di questi è quel Pastore che al Paris Saint-Germain sta trovando parecchi problemi, ma - secondo il parere di Gianluca Zambrotta - nel caso Moratti non farebbe affatto un affare...

"Sinceramente tra i due preferisco Sneijder - dice schiettamente a 'Sky' l'ex terzino campione del mondo - E' più imprevedibile, ha più fantasia rispetto all'argentino".

Chi invece svela un succoso retroscena sulla sgradevole situazione venutasi a creare in casa nerazzurra è l'agente Fifa Alessandro Canovi, interpellato da 'SportItalia': "Bisogna anche temporalmente capire cosa succede. L'ingresso della cordata cinese ha subito una frenata, ed è da quel momento che si è posto il problema Sneijder. Per mantenerlo, l'Inter sperava anche nella sovvenzione dei cinesi...".

Sullo stesso argomento