thumbnail Ciao,

Il presidente rossoblù chiude le porte all'Inter, interessata all'attaccante cileno per gennaio. E sul caso Sneijder osserva: "Credo che la verità stia nel mezzo".

L'Inter e il Napoli sono pronte a bussare alle porte del Cagliari per Mauricio Pinilla. Il presidente rossoblù Cellino ha però sbarrato la strada ai nerazzurri, ribadendo l'assoluta incedibilità del suo bomber.

"Non si muovera' da Cagliari. A giugno abbiamo rifiutato importanti offerte per Astori e Nainggolan, figuratevi se a questo punto della stagione mi privo di un giocatore importante come Pinilla".- ha dichiarato Cellino all'ingresso in Lega Calcio.

Quindi ha sottolineato: "Nemmeno trenta milioni basterebbero per il giocatore. E' vero, adesso non sta giocando, ma vedrete che arrivera' anche il suo momento".

Intanto proprio l'attaccante cileno stamattina si è regolarmente allenato con il gruppo agli ordini di Pulga, in vista dell'impegno di Coppa Italia che vedrà i rossoblù in campo mercoledì sera contro il Pescara.

Cellino si è poi soffermato sul periodo di appannamento vissuto dal Cagliari: "Abbiamo 16 punti in 14 partite, mi sembra un buon bottino. Non bisognava esaltare la squadra prima e adesso non dobbiamo esagerare con le critiche negative. Tra l'altro ci sono mancati Cossu e Pinilla, e poi a noi manca la partita contro la Roma. Una televisione ci ha chiesto i danni per quella partita... hanno proprio faccia tosta".

Infine il patron rossoblù ha detto la sua anche sul caso Sneijder, che sarebbe pronto ad accusare l'Inter di mobbing: "Ci sono passato anch'io con Marchetti. E per esperienza posso dire che la verita' sta nel mezzo, di certo posso dire che non ce lo vedo Moratti a fare mobbing...".

Sullo stesso argomento