thumbnail Ciao,

Il portiere bianconero ha dimostrato ampie capacità diplomatiche dopo la sfida persa contro il Milan, oltre ad avere da sempre una spiccata vocazione manageriale.

Per il portiere della Juventus, Gigi Buffon, questa potrebbe essere una settimana molto importante. Non solo per le sfide sul campo contro il Torino nel derby e lo Shakhtar in Champions, ma anche per il suo futuro, prossimo e più lontano.

Dopo la sfida contro i granata, infatti, come riferisce stamane 'Tuttosport', per il numero uno bianconero dovrebbero essere maturi i tempi dell'atteso rinnovo contrattuale, che lo porteranno a concludere la sua lunga carriera con la maglia della Juventus, dove dovrebbe giocare per altre tre stagioni.

Ma non solo. La società bianconera sta pensando infatti per Buffon a un futuro da dirigente del club, e secondo il quotidiano torinese, sarebbe intenzionata a gettare a grandi linee le basi già al momento del rinnovo, parlando e definendo i modi di un suo futuro ingresso nell'organigramma societario.

Del resto il portiere ha mostrato ultimamente grandi capacità diplomatiche, come quando al termine di Milan-Juventus è riuscito nello stesso tempo a stigmatizzare l’errore dell’arbitro Rizzoli nell’assegnare il rigore e a stemperare qualsiasi polemica con spirito sportivo e piena consapevolezza del momento difficile che attraversa il calcio italiano.

Oltre ad avere sempre avuto una spiccata vocazione manageriale, come testimoniano l'impegno da primo azionista nella Zucchi o il salvataggio dal fallimento della Carrarese, assieme a sua moglie, Alena Seredova. Per Buffon, insomma, più che mai, potrebbe presto valere l'etichetta di 'juventino a vita'. Anche se lui è abituato a ragionare per una cosa alla volta, e ora pensa soltanto a vincere il derby.

Sullo stesso argomento