thumbnail Ciao,

L'ex pilastro nerazzurro ammonisce la sua società sul trascinare la vicenda per le lunghe: "E' una situazione che va risolta il prima possibile, l'ambiente può essere influenzato".

L'Inter si approccia alla trasferta di Parma portandosi appresso il caso Sneijder, fatto esplodere sabato scorso dalla stessa società nerazzurra per bocca di Marco Branca. "O spalmi il tuo contratto, o non giochi più", questo in sintesi l'aut aut posto davanti al giocatore olandese, dall'entourage del quale - l'agente Soren Lerby in testa, atteso nei prossimi giorni a Milano - si aspetta adesso una risposta.

Anzi, di più. Secondo 'Tuttosport', infatti, Massimo Moratti in persona si attenderebbe delle vere e proprie "scuse" da parte di Sneijder per la condotta seguita nella vicenda, nonchè la richiesta esplicita da parte sua di un incontro. Insomma, se non sarà Wes a fare la prima mossa - all'indietro - per lui le strade del campo resteranno sbarrate.

Una situazione che certamente non giova alla causa interista, come spiega Marco Materazzi ai microfoni di 'Gazzetta tv': "La situazione di Sneijder è particolare. Loro sanno quello che si sono detti, sicuramente il contratto alle origini è stato firmato da ambo le parti e perciò va rispettato. Ora non so quali siano gli accordi, di sicuro messa giù così non è una bella situazione, perché se erano contenti al momento della firma dovrebbero essere contenti anche adesso...".

"E' una situazione che va risolta il prima possibile - ammonisce 'Matrix' - perché di certo Wesley non è sereno e questo può influenzare anche l'ambiente che lo circonda. Le parole di Branca o del mister che parlano di mancanza di serenità possono comportare poca serenità all'interno del gruppo. L'unica cosa da fare è prendere una decisione immediata, perché gennaio è alle porte e per il bene di tutti quanti è meglio decidere ora cosa si deve fare.  Avere gente scontenta non serve a nessuno...".

Sullo stesso argomento