thumbnail Ciao,

Metuzalem il primo nome sul taccuino di Foschi, piace anche l'ex Floro Flores. I tifosi però chiedono al presidente Preziosi di cedere il club. Rapporti ormai compromessi?

Sei sconfitte consecutive, un derby praticamente regalato agli storici rivali, ultimo posto in classica: è questa l'attuale situazione del Genoa, ai minimi stori dal suo ritorno in Serie A dell'era Preziosi. Dopo la rivoluzione ai piani dirigenziali della società, i rossoblù si apprestano a vivere una rivoluzione nella rosa, da potenziare per tentare di risalire le rapide che in poche giornate li hanno scaraventati all'inferno.

Con il patron Preziosi che ha garantito: un numero cospicuo di rinforzi, il ds Foschi ha già cominciato ad impostare trattative di mercato atte a potenziare in maniera sensibile la rosa, anche alla luce del recente infortunio di Antonelli. Come riporta l'edizione odierna di 'Tuttosport', il primo nome sulla lista della spesa è quello di Matuzalem, brasiliano con grande esperienza nel campionato italiano ormai ai margini della Lazio di Petkovic. Per portarlo a Genova Foschi dovrà battere la concorrenza del Toro e dell'Internacional di Porto Alegre.

Altro nome caldo è quello di Antonio Floro Flores. In passato vestì la maglia del Genoa ma non fu riscattato da Preziosi. Ora il Grifone potrebbe tornare alla carica per portare il campano all'ombra della Lanterna dal Granada, attuale squadra dell'ex Udinese. Alcuni tasselli mancanti riguardano esterni e difesa con gli juventini Padoin e Marrone in cima alle preferenze. I rossoblù potrebbero recuperare liquidità per intervenire sul mercato (due milioni) proponendo al Bologna di riscattare anticipatamente Gilardino.

Intanto l'aria di rivoluzione si respira anche in piazza, con la tifoseria rossoblù che ribolle di rabbia nei confronti del presidente Preziosi. I fatti di Genoa-Siena, campagne acquisti che vedono il Genoa ogni estate perdere i pezzi pregiati, un organigramma societario in continuo divenire e l'attuale situazione di classifica hanno incrinato in modo irreparabile i rapporti tanto da portare la tifoseria organizzata a chiedere a Preziosi di vendere il club con una lettera consegnata nelle sue mani.

Sullo stesso argomento