thumbnail Ciao,

Il club rossonero, come altre big d'Europa, ha messo gli occhi su Felipe Anderson, promettente centrocampista del Santos. Piace anche Biglia dell'Anderlecht.

Si avvicina il mercato di gennaio e il Milan ha le idee chiarissime su come intervenire. Innanzitutto verrà preso un attaccante: il preferito rimane Mario Balotelli, in rotta con Mancini e ritenuto complementare con tutti gli attuali componenti del reparto offensivo. 'SuperMario', tra l'altro, ha fatto molto bene nell'ultima amichevole della Nazionale contro la Francia in coppia con El Shaarawy.

Molto, naturalmente, dipenderà dalla portata dell'appoggio dei nuovi investitori cinesi. In base al loro 'impegno', si potranno meglio definire i piani di rafforzamento. Agli inizi di dicembre ci sarà il primo contatto tra Galliani e il presidente del Guangzhou Evergrande (il club allenato da Lippi), Liu Yongzhuo. All'orizzonte una partnership non solo di carattere commerciale, ma anche tecnico. Yongzhuo vorrebbe mandare a Milanello i migliori prodotti del settore giovanile del club per degli stages di apprendimento.

Il 'Diavolo', intanto, continua a guardare al mercato brasiliano. L'ultima suggestione porta il nome di Felipe Anderson, nuovo gioiello del Santos, che piace anche a Real, Bayern e Tottenham. "Continueremo a monitorarlo per valutare la sua crescita - ha detto a 'Globo Esporte' l'ex rossonero Serginho, oggi osservatore di mercato per conto di Galliani - E' un ragazzo maturo, con grandi margini di crescita. Per ora, comunque, non c'è ancora una trattativa, è presto".

Il Milan potrebbe provare a convincere il Santos mettendo sul piatto Robinho, del cui possibile ritorno in patria si vocifera ormai da tempo. Al momento, come confermato da Serginho, non ci sono novità in merito, ma anche qui la situazione potrebbe evolversi nelle prossime settimane.

A centrocampo, come riferito dal 'Corriere dello Sport', piace inoltre l'italoargentino dell'Anderlecht, Lucas Biglia, che a fine stagione potrebbe prendere il posto di Ambrosini, vicino all'addio, così come Flamini. In difesa, infine, è sempre Yanga-Mbiwa il chiodo fisso, nonostante il recente prolungamento (per altri 2 anni) del contratto col Montpellier, con tanto di clausola rescissoria.

Sullo stesso argomento