thumbnail Ciao,

La punta del Siena, che attualmente sta trovando poco spazio nella squadra toscana, è finito nel mirino del Napoli. E il suo agente non chiude le porte al trasferimento.

Potrebbe essere Emanuele Calaiò il 'vice-Cavani' che il Napoli sta cercando sul mercato. La squadra partenopea infatti è alla ricerca di un giocatore in grado di garantire peso e goal all'attacco, e il suo agente, Umberto Calaiò, non ha chiuso la porta al Napoli malgrado le smentite di Valentina Mezzaroma.

"Calaiò sta benissimo a Siena ma, come ha detto il direttore generale Antonelli, se arrivasse un'offerta importante, il calciatore la prenderebbe in considerazione. C'è un feeling a distanza tra Calaiò e il Napoli" queste le dichiarazioni di Umberto Calaiò, fratello-procuratore della punta palermitana attualmente di proprietà del Siena: parole che suonano come una porta aperta alla possibilità di un trasferimento sotto il Vesuvio per l'attaccante che sta trovando poco spazio a Siena e accetterebbe volentieri il ruolo di riserva dell'intoccabile Cavani.

Il Napoli è infatti alla ricerca di un calciatore in grado di garantire una buona media realizzativa anche quando l'uruguaiano non è disponibile; alcune partite di questo inizio stagione infatti hanno messo in evidenza come la squadra di Mazzarri fatichi non poco a trovare la via del goal quando 'el Matador' non guida l'attacco. Dovrebbe essere questa la principale operazione in entrata nel mercato invernale, e Calaiò è uno di quei calciatori tenuti sotto stretta osservazione da Riccardo Bigon.

Di contro però Valentina Mezzaroma, vicepresidente della squadra toscana nella quale attualmente milita Calaiò, ha prontamente preso una posizione netta in merito al presunto interessamento del Napoli per il giocatore: "Calaiò non si muove di qua è sicuro. Non andrà al Napoli". Una presa di posizione reale oppure una tattica per alzare il prezzo del cartellino del calciatore?

Sullo stesso argomento