thumbnail Ciao,

L'ex ct campione del mondo guiderà a Milanello i vertici del suo club: per lui si parla di un possibile ruolo da direttore generale. Intanto potrebbero partire Binho, Boa e Mexes.

Aria di rivoluzione in casa Milan: dopo la deludente prima fase di stagione la società rossonera sta seriamente pensando di cambiare totalmente faccia al 'Diavolo'. Sia in campo che fuori. Nelle ultime ore è stata infatti resa nota la clamorosa notizia di un possibile contatto societario tra i vertici di via Turati e quelli del Guangzhou Evergrande, club guidato da Marcello Lippi, che farebbe da tramite.

Come riporta il 'Corriere dello Sport', i primi giorni di dicembre l'ex ct campione del mondo porterà i dirigenti cinesi a Milano, che potranno dunque assistere anche al match di Champions League dei rossoneri contro lo Zenit. I contatti tra le due società sono stati frequenti nelle ultime ore: il presidente del Guangzhou Liu Yongzhuo, imprenditore edile di 31 anni, vanta un patrimonio personale di 2,7 miliardi di euro circa, che vorrebbe investire in parte nel nostro calcio.

Lippi ha portato alla vittoria del titolo nazionale il club cinese per la seconda volta consecutiva, ma si è fatto sfuggire la Champions League asiatica, fermandosi ai quarti di finale. Proprio per poter raggiungere questo obiettivo l'anno prossimo, il presidente Yongzhuo vuole rinforzare ulteriormente la rosa. E stavolta con nomi di un certo spessore: il primo passo sarebbe infatti l'acquisto di due nomi tra quelli messi in vendita dal Milan.

Si tratta di Robinho, Boateng e Mexes, che attualmente detengono i maggiori ingaggi della rosa rossonera e che andrebbero a guadagnare cifre molto più importanti in terra cinese. Il ghanese, vista anche l'età ancora giovane, gradirebbe un ritorno in Bundesliga, ma per lui il Milan non chiederà meno di 15-20 milioni di euro. Il brasiliano è invece valutato 10-12 milioni, mentre con la cessione di Mexes Galliani conta di ricavare almeno 2-3 milioni di euro. Tra ingaggi risparmiati e cartellini dunque, la società rossonera potrebbe ritrovarsi un tesoretto da investire sul mercato in entrata.

Dunque il primo passo sarebbe lo 'shopping italiano', ma nel corso della visita a Milano Lippi farà da intermediario per un possibile ingresso dei propri dirigenti nella società rossonera. Lo stesso ex allenatore della Nazionale potrebbe diventare il nuovo direttore generale del 'Diavolo', visti anche gli ottimi rapporti con Galliani e con tutto l'ambiente di via Turati.

Il tutto potrebbe partire già da Gennaio, dove si prospettano grandi cambiamenti. E' noto ormai a tutti infatti la volontà di Berlusconi di inserire in società alcuni soci che possano aiutare nella campagna acquisti. Lo stesso patron rossonero potrebbe riaccendere in sè stesso la voglia di tornare ad investire direttamente con l'aiuto dei soci cinesi: per la sessione di mercato invernale piacciono sempre i soliti Yanga-Mbiwa e Balotelli, ma prima bisogna vendere i pezzi della rosa che, per un motivo o per un altro, non convincono l'ambiente.

Oltre ai tre nomi citati in precedenza, sul piede di partenza potrebbero trovarsi anche Traorè, Mesbah e Didac Vilà. Sotto esame anche il giovane Acerbi, che dopo l'infortunio di Bonera sarà sicuramente chiamato a fronteggiare lo spauracchio Cavani a Napoli sabato. Infine anche Flamini potrebbe fare le valigie, con un possibile ritorno in Ligue 1, nelle fila del Marsiglia.

Sullo stesso argomento