thumbnail Ciao,

Nella notte tra venerdì e sabato esposti sotto la sede della società rossonera due striscioni che chiedono di riportare al Diavolo l'attaccante del Paris Saint Germain.

Zlatan Ibrahimovic di nuovo con la maglia del Milan? La suggestione, alimentata dalle stesse parole di grande amore per i colori rossoneri pronunciate l'altro giorno dall'attaccante del Paris Saint-Germain, è stata tutt'altro che smorzata dalla ovvia smentita dell'agente Raiola ("ci tornerà solo da dirigente o allenatore").

E quanto la questione scaldi il popolo rossonero, desideroso di tornare a sognare dopo le ultime difficoltà, lo dimostrano i due striscioni esposti nella notte tra venerdì e sabato sotto la sede di Via Turati: "Ridateci il nostro Zlatan!" e, sotto il titolo di un giornale che annunciava la sua volontà di tornare al Milan, "....E fatelo in fretta. Milano è con lui e lo rivuole!".

La questione è tuttavia molto più complessa di come la fanno i tifosi del Diavolo, soprattutto alla luce dell'ingaggione di Ibra e della nuova filosofia 'low cost' imposta al club da Berlusconi e Galliani. Certo che quelle parole alimentano speranze: "Milan, se c'è bisogno di me, torno...". Mai come stavolta ci vorrebbe una scelta di vita 'vera' da parte dell'attaccante, piuttosto che il classico 'mal di pancia' del passato.

Sullo stesso argomento