thumbnail Ciao,

Il centrale granata sarebbe finito nel mirino dei russi, pronta l'offerta. City e United alla finestra. Cairo si sfrega le mani sognando l'asta, si parte da 20 milioni.

Angelo Ogbonna alla conquista della Russia. Il centrale del Torino, che sta impressionando tutti al suo primo anno di A, sarebbe infatti finito anche nel mirino del ricchissimo Anzhi, club che è già stato capace di strappare al calcio italiano un fenomeno come Samuel Eto'o.

Il club di Makhachkala, solo geograficamente ai margini dell'Europa che conta nel mondo del pallone, è diventato per chiunque competitor estremamente pericoloso specie nei duelli in sede di mercato. E meta ambita da quasi tutti i calciatori del globo terracqueo, d'altronde, davanti a certe cifre, resta quasi impossibile resistere.

Come riportato però oggi da 'Tuttosport', sul fronte Ogbonna l'Anzhi dovrà mettersi pazientemente in fila, dato che sul difensore, già entrato stabilmente nel giro azzurro, c'è mezza Premier League, qualche club spagnolo e alcune piazze turche.

Gli osservatori dei due club di Manchester, City e United, hanno già fatto capolino allo stadio Olimpico, in diverse occasioni. Lo stesso discorso vale per Liverpool ed Everton.E non vanno dimenticate le lusinghe di tutti i top club italiani: dal Milan alla Juventus, dalla Roma alla Fiorentina, passando dal Napoli, una delle prime squadre a muoversi concretamente per il difensore centrale con un’offerta reale, gentilmente rispedita al mittente dal presidente granata Cairo.

Ogbonna dal canto suo pensa solo a crescere ancora agli ordini di mister Ventura, è chiaro che se il centrale proseguirà nella continuità di prestazioni offerte in questo inizio di stagione sarà molto difficile per il Torino trattenerlo. E la prossima estate potrebbe essere tempo di asta selvaggia tra le molte pretendenti. La base è già fissata: venti milioni, prendere o lasciare.

Sembra invece da escludere un possibile addio di Ogbonna al granata già a gennaio, a meno che i russi non si presentino da Cairo con un assegno talmente sostanzioso da impedire qualsiasi niet.



Sullo stesso argomento