thumbnail Ciao,

Il nuovo acquisto azzurro esprime tutta la sua soddisfazione: "E' una squadra ambiziosa con grandi campioni, ma che è in grado di darmi l'opportunità di giocare, l'ideale per me".

Omar El Kaddouri. E' questo l'ultimo acquisto di De Laurentiis per il suo Napoli versione 2012-2013. Da Brescia a Napoli, come un certo Hamsik, con i piedi giusti per stupire e un talento cristallino pronto a far gioire il San Paolo.

Meno di una giornata, tanto (poco) ci è voluto per far trasferire il giovane trequartista dalla corte di Corioni a quella di De Laurentiis, grazie agli ottimi rapporti che intercorrono tra i due. E' il colpo che non ti aspetti perchè nessuno ne parlava, è il colpo che ci si poteva aspettare perchè la scadenza del contratto con le "rondinelle" del 2013 lasciava poche possibilità al presidente del Brescia. L'accordo è semplice, veloce, anche per la presenza nello staff di Micheli e Mantovani, gli osservatori che convinsero il ragazzo a rinunciare all'Udinese dopo il "Viareggio" del 2008.

2 milioni son bastati per far passare El Kaddouri al Napoli in comproprietà, con contratto sino al 2017. Niente Juventus, niente Parma, niente Fulham, niente Milan sponda Genoa nonostante Mino Raiola ne fosse il procuratore. Chissà che questo affare non abbia portato ad un effettivo (e non solo apparente) disgelo tra il famoso agente e il noto imprenditore dopo le frecciate degli ultimi mesi.

Il belga, di origine marocchina, andrà a ricoprire il ruolo di vice-Hamsik nello scacchiere di Mazzarri. Visione di gioco, imprevedibilità, gran tiro, queste le qualità principali del ragazzo, supportate da una tecnica invidiabile e un fisico imponente.

Calori lo ha paragonato a Zidane, a Napoli sono in cerca del nuovo Maradona ma si accontentano anche di un nuovo Hamsik, il tutto mentre il ragazzo minimizza. "Spero di ripercorrere le orme di Marek e il modulo del Napoli mi aiuterà in questo, essendo identico a quello del Brescia dello scorso anno. Per me inizia una nuova vita", spiega il neo-acquisto azzurro alla 'Gazzetta dello Sport'.

"E' una squadra ambiziosa con grandi campioni, ma che è in grado di darmi l'opportunità di giocare, l'ideale per me. Al Brescia auguro di tornare presto in Serie A e ringrazio Calori e Scienza, in particolare, perchè han creduto in me quando nessun altro era pronto a darmi una chance".

Il Napoli è pronto, o quasi. A Mazzarri manca solo un'alternativa a Maggio e il nome di Bariti è accostato più a squadre di Serie B e Lega Pro per dargli modo di crescere. Da casa Genoa si registra una frenata per Mesto, così il presidente napoletano ha bussato alla porta di Moratti per Jonathan, nonostante la prima scelta rimanga Centurion del Racing, così come rimane viva la pista che porta a Wallace, Fluminense. Nel frattempo dovrebbe arrivare l'accordo per Uvini del San Paolo, pronto ad esser poi girato al Siena.

Sullo stesso argomento