thumbnail Ciao,

Il giapponese, vero e proprio tormentone per mesi con il braccio di ferro tra Cska e Lazio per il suo passaggio in biancoceleste, ora sbotta: "Oggi non andrei in Italia".

Honda non andrà alla Lazio, ormai è certo. Dopo le estenuanti trattative svoltesi a gennaio tra i biancocelesti e il Cska Mosca, terminate con una fumata nera, è lo stesso giapponese ad escludere un futuro a Formello.

"Non andrei più alla Lazio- tuona adesso Honda, che spiega- In sei mesi sono cambiate tante cose. All'epoca la Lazio lottava per andare in Champions League. Un obiettivo che ha fallito. Ora le cose sono cambiate anche per me".

Il giocatore, in scadenza con i russi a giugno del 2013, non sogna dunque più di sbarcare sotto il Colosseo e utilizza una metafora podistica per chiarire meglio il suo pensiero: "È come correre in una maratona di 30 chilometri e scoprire che hai un passo lento. Per raggiungere il mio obiettivo dovrò correre più veloce, ecco perché non andrò alla Lazio".

In cauda venenum, per dirla alla Lotito. Appare comunque ormai certo che, dopo le ultime dichiarazioni del giapponese, le possiblità che Honda possa vestirsi di biancoceleste si riducono drasticamente.

Sullo stesso argomento