thumbnail Ciao,

Sempre calda l'asse Toro-Genoa: lo sloveno è il nome nuovo per la fascia, ma si parla anche di Biondini e Bovo. A Udine sempre caldi Barreto e Pasquale, attesa per Tissone.

Non è sempre facile arrivare agli obiettivi primare. Lo sanno bene Cairo e Petrachi, consci della voglia di Ventura di avere in rosa Alessio Cerci, ma allo stesso tempo consapevoli che la trattativa con la Fiorentina per l'esterno è di quelle decisamente complicate. Il Torino, quindi, cerca di tutelarsi.

Stamattina 'Tuttosport' ha svelato un nome nuovo per la corsia mancina. Si tratta di Valter Birsa, l'estroso centrocampista sloveno in cerca di riscatto dopo la prima deludente annata col Genoa. Preziosi sarebbe diposto a cederlo in prestito, operazione poco dispendiosa per le casse del Toro che dovrebbero coprire solo l'ingaggio da 800.000 euro del giocatore.

Ma non è l'unico nome: l'asse Genoa-Toro è a dir poco bollente. I due club discutono anche la cessione di Davide Biondini (il Toro potrebbe prenderlo con 1 milione) e quella di Bovo: il difensore tornerà in campo a breve, e subito aver valuto le sue condizioni, i granata valuteranno se lanciare un offensiva. Infine Antonelli: l'esterno rossoblù è l'alternativa agli obiettivi principali Pasquale e Marchese.

In mediana i nomi d'attualità sono sempre i soliti due: Pazienza e Tissone. Per il centrocampista della Juventus (che aspetta un cenno da Cairo) il Toro continua a chiedere il prestito, anche se l'ingaggio annuale da 1,2 milioni rappresenta un ostacolo non da poco. Più semplice, invece, la situazione del mediano argentino: il giocatore andrebbe volentieri a Torino, ma la Samp deve ancora decidere se cederlo in presito o rinnovargli il contratto e lasciarlo andare a titolo definitivo.

Infine l'attacco. Fra Cairo e Pozzo potrebbe finalmente arrivare il disgelo. La grana Surraco brucia ancora al patron dei friualini, che tuttavia sarebbe disposto a trattare la tanto sospirata cessione di Barreto. Edu Vargas e Ljajic sono le altre piste percorribili (ma solo in prestito), mentre a sorpresa potrebbe restare Rolando Bianchi: il Toro ha capito che, con il budget a disposizione, non ci sono molti attaccanti in giro di pari o superiore valore. Ecco allora che Ventura potrebbe convincersi di schierare il capitano granta titolare al centro dell'attacco.

Sullo stesso argomento