thumbnail Ciao,

Il tecnico partenopeo promuove il giovane Insigne: "E' un giocatore universale ed eccletico, può ricoprire ogni ruolo dell'attacco e in avanti può integrarsi con tutti".

Dopo la bella vittoria del Napoli contro il Bayer Leverkusen al San Paolo, il tecnico partenopeo Walter Mazzarri è intervenuto ai microfoni di 'Sky Sport', analizzando l’andamento della partita ma soprattutto sbilanciandosi sul mercato degli azzurri e sui temi della Supercoppa italiana, in programma a Pechino, il prossimo 11 agosto, contro la Juventus.

“Nel primo tempo siamo stati contratti, – ha dichiarato – mentre nella ripresa ci siamo sciolti, ci dovevamo sbloccare. Abbiamo risentito della dura preparazione. Il modulo prevedeva l’inserimento delle mezz’ali senza punti di riferimento per gli avversari. Nel secondo tempo la squadra mi è piaciuta”.

Giudizio positivo anche per il giovane Lorenzo Insigne, che ha incantato il San Paolo con le sue giocate di classe. “È un giocatore universale, – ha detto di lui Mazzarri – può ricoprire ogni ruolo dell’attacco. È un giocatore eccletico, si può integrare con tutti in avanti”.

Il discorso si è poi spostato rapidamente sul calciomercato. “Abbiamo ampliato l’organico con giocatori importanti come Behrami, oggi subito bene. La rosa ampia sarà da stimolo a tutti per guadagnarsi il posto da titolare. Balzaretti? Siamo intenzionati a prenderlo, saremmo felici se venisse. Vice Cavani? Abbiamo 4 attaccanti, credo che bastino. Se non fosse così, faremo le giuste valutazioni prossimamente con Bigon. Gargano? Voglio giocatori motivati, lui è sempre stato un giocatore importante per noi”.

Quindi un commento sulla probabile assenza di Antonio Conte dalla panchina della Juventus nella sfida di Pechino a causa della squalifica che potrebbe colpire il tecnico nel processo sportivo per Scommessopoli.
“Scommesse e Conte? Parlo di calcio, non voglio entrare su questo argomento. – ha detto Mazzarri – È un ottimo allenatore, comunque la preparerà lui la squadra durante la settimana. Sarebbe una perdita sul campo per i giocatori della Juventus, un piccolo vantaggio per noi ma non determinante”.

Infine sulla decisione di andare comunque in Cina, nonostante le polemiche degli ultimi giorni. “Supercoppa a Pechino? La sede non ha importanza. Non mi pongo mai questi problemi, l'importante è giocarla”. A livello di formazione, invece, il tecnico livornese spera di avere a disposizione tutti i titolari. “Farò le mie valutazioni al momento, – ha concluso – spero solo di recuperare Inler.

Sullo stesso argomento