thumbnail Ciao,

I viola, che continuano a ribadire l'incedibilità di Jovetic, puntano adesso a rinforzare il proprio reparto offensivo: nel mirino uno tra Chamakh e Borriello.

E' tregua in casa Fiorentina sul fronte Jovetic. L'incontro, svoltosi nel ritiro di Moena, tra il presidente Andrea Della Valle e la stella montenegrina non ha ancora diradato del tutto le nubi sul futuro di Jo-Jo ma ha quantomeno messo in chiaro le intenzioni della società, poco disponibile a trattare una cessione del ragazzo in questa sessione di mercato.

Probabile che Jovetic, così come riportato dalla 'Gazzetta dello Sport', adesso non se la senta di cominciare un braccio di ferro con la Fiorentina, anche per non indispettire ulteriormente una piazza a cui non sono certamente piaciuti i rumors relativi ad una sua forte voglia di Juventus.

Il montenegrino potrebbe così accettare di restare un altro anno in viola, con la promessa di essere lasciato libero la prossima estate nel caso in cui la Fiorentina non riuscisse a centrare la qualificazione ad una competizione europea.

Sistemato, o quasi, il discorso Jovetic, Pradè continua il proprio lavoro per rinforzare la rosa a disposizione di mister Montella. Per l'attacco si cerca una prima punta, piacciono molto Chamakh dell'Arsenal ed il romanista Borriello, quasi certamente uno dei due arriverà.

Il direttore sportivo viola sarebbe poi a caccia di due guerrieri di centrocampo, capaci di rubare un'industriale quantità di palloni e far ripartire velocemente le azioni di rimessa, come nella tradizione delle squadre di Montella.

Infine si proverà a piazzare qualche elemento ormai inviso alla piazza e che sembra avere fatto il suo tempo a Firenze. Il primo della lista è il cileno Vargas, ormai ai margini da mesi. E neppure il peperino Cerci, in perenne odi et amo con la curva Fiesole, è ancora certo di proseguire la sua avventura in viola.

Sullo stesso argomento