thumbnail Ciao,

Fabio Simplicio, centrocampista ex Roma che ha da poco risolto il suo contratto con i giallorossi, ha spiegato quest'oggi il motivo per cui ha lasciato la squadra giallorossa.

E' proprio vero che i dissidi interni possono causare clamorosi addii e divorzi improvvisi. E' questo quanto accaduto a Fabio Simplicio, centrocampista che solo ieri ha risolto il suo contratto con la RomaIl motivo? La presenza nei piani dirigenziali capitolini di Walter Sabatini, direttore sportivo della società giallorossa con cui, il brasiliano, ha spiegato di non aver un rapporto per nulla idilliaco.

"Sono andato via da Palermo perché non rientravo nel progetto, poi l'ho ritrovato alla Roma e quindi ho preferito cambiare aria per non lavorare vicino a lui", ha raccontato Simplicio ai microfoni di 'Mediagol'. C'è molta delusione nelle parole del brasiliano ex Palermo e Parma, giocatore che era arrivato nella capitale 2 anni fa a parametro zero proprio dalla Sicilia.

"E' stato difficile lasciare il Palermo - ha proseguito Simplicio -, dove ho vissuto tanti bei momenti, come a Roma, ma ci tornerei volentieri. Ora però sto provando a cambiare vita, lontano dall'Italia", Italia che ormai dal 2004 anni è la sua casa, dopo le avventure con Parma, Palermo e proprio Roma. Un giocatore, Simplicio che si era fatto sempre trovare pronto nonostante le poche presenze dal primo minuto.

Quale futuro attende il brasiliano classe 1979 dopo la rottura con il club capitolino? Si vocifera di un'esperienza nell'est: "Giappone? E' un'opportunità diversa, dopo otto anni in Italia, è arrivato il momento di cambiare aria". Nell'anno degli addii al campionato italiano, c'è da salutare dunque anche Fabio Simplicio, brasiliano silenzioso che forse meritava qualcosa in più dalla lunga carriera italiana...

Sullo stesso argomento