thumbnail Ciao,

Il PSG presenta Verratti e lui parte col piglio deciso: "Felice di rappresentare questo club, il calcio italiano farebbe bene ad accorgersi prima dei suoi giovani talenti"

Conferenza stampa di presentazione di Marco Verratti questo pomeriggio in casa Paris Saint-Germain. E il talento italiano si dice felice della scelta fatta.

E' giornata di presentazioni ufficiali in casa Paris Saint-Germain e, in attesa di quella attesissima di Zlatan Ibrahimovic, è il momento di Marco Verratti tenere la sua prima conferenza stampa da giocatore del PSG.

Ad introdurre il calciatore italiano è il presidente del club parigino, Nasser Al Khelaifi... "E' giovane che rappresenta il futuro del calcio italiano e del nostro club - ha detto - Ha grande talento ed è giovane, ci aspettiamo molto da lui. Questo dimostra che non ci interessano solo i big players ma anche giovani che ci permettano di guardare con grande fiducia al futuro".

La parola passa poi a Verratti, che spiega quale sia stato il suo primo approccio col PSG dopo il primo allenamento sostenuto coi nuovi compagni... "Mi ha fatto un'ottima impressione - ha detto il giovane centrocampista - Giocare con grandi campioni che prima potevo vedere solo in televisione è motivo di orgoglio e consapevolezza che devo continuare su questa strada".

"Devo molto a questa società - ha proseguito Verratti - Perchè mi ha dato un'opportunità che a un ragazzo di 19 anni non capita tutti i giorni. Pertanto devo fare di tutto per ripagare la loro fiducia. Mister Ancelotti? Ci ho parlato poco finora, anche perchè ho pensato solo ad allenarmi, perchè credo che solo coi fatti potrò dimostrare all'allenatore e al club di aver fatto bene a puntare su di me".

Verratti dice poi la sua riguardo il fatto che lui è l'ultimo, in ordine di tempo, dei giovani talenti italiani che sono andati a giocare fuori dall'Italia... "Credo che all'estero si punti di più sui giovani - ha detto - Ma per un italiano non c'è solo l'Italia e quando è arrivata l'offerta da questa grandissima società non ho esitato un secondoad accettarla. Sono soddisfatto della scelta che ho fatto e orgoglioso di rappresentare questo club. Il calcio italiano, sicuramente, farebbe bene a puntare maggiormente sui giovani, mente le squadre straniere si accorgono prima che un giovane talento può diventare un grande giocatore".

"Per il calcio francese e internazionale sono un giocatore sconosciuto - ha detto ancora Verratti - perchè ancora non ho fatto ciò che hanno invece fatto i grandi campioni che sono già qui. Però ho solo 19 anni e tanta voglia di dimostrare le mie qualità. Cercherò di fare il massimo in ogni partita per aiutare la squadra, poi chi sono io non serve lo dica a parole ma devo dimostrarlo in campo".

Assieme a Verratti arriva al PSG anche Ibrahimovic, quali le impressioni del giovane marchigiano? "Poter giocare con Ibrahimovic, ma anche con altri grandi campioni come ad esempio Lavezzi, è motivo di una grandissima emozione per me. Sono sicuro che da loro potrò imparare moltissimo e sono contentissimo di questa nuova avventura. E non vedo che inizi il campionato".

"Perchè ho scelto il PSG? Perchè è l'unica società che mi ha cercato veramente e con insistenza - ha poi spiegato Verratti - Quindi quando ho saputo di questo interessamento ho subito detto al mio agente che il Paris Saint-Germain era la mia prima scelta. Poi penso che ci sia un progetto tecnico importantissimo e il PSG credo possa diventare una delle squadre più forti al mondo. Quindi per me è stata una scelta facile scegliere il PSG".

Il fatto, poi, di arrivare in un grande club nel quale gli spazi saranno probabilmente pochi, visti i grandi campioni con cui dovrà competere, non fa temere a Verratti di non poter agguantare nuovamente la maglia della Nazionale... "Prandelli? Non l'ho sentito - ha detto ancora Verratti - L'ho ringraziato per l'opportunità che mi ha concesso quest'estate, col pre-ritiro azzurro. Poi il posto in nazionale dovrò cercare di guadagnarmelo e la concorrenza che avrò qui al PSG non potrà che farmi bene. Anche non giocando credo che in questa squadra potrò comunque crescere tantissimo".

"Il calcio francese? Quando sono a casa vedo partite in tv di tutti i campionati e ho seguito anche quello francese - ha concluso Verratti - Credo sia un campionato molto fisico che però sta crescendo molto. Credo che il prossimo sarà un grande campionato nel quale noi vogliamo essere protagonisti a tutti i costi".

Sullo stesso argomento