thumbnail Ciao,

Dopo l'addio di Lavezzi, il Matador sembrava destinato a restare, ma le sue dichiarazioni a una tv uruguayana riaprono ogni discorso. E in prima fila c'è sempre la Juventus.

Tra il serio e il faceto l’attaccante del Napoli, Edinson Cavani, si mette sul mercato. Se l’ufficialità del passaggio di Ezequiel Lavezzi al Paris Saint-Germain sembrava aver chiuso le cessioni eccellenti in casa Napoli, le parole pronunciate dal ‘Matador’ ai microfoni dell’emittente uruguayana  ‘Subravado’,  e riprese oggi dai tre quotidiani sportivi italiani, hanno mandato in subbuglio i tifosi partenopei e lasciano aperta qualsiasi ipotesi da qui alla chiusura del calciomercato.

Di fronte alla domanda: “Edi, quanto vale?”, fattagli da un giornalista uruguayano, il numero 7 del Napoli ha risposto sorridendo: “Non credo che possano chiedere 100 milioni per il mio cartellino. Se arriverà un’offerta secondo me il presidente si siederà a parlare con chi mi vuole e chiederà di meno. Discuterà con calma, con ragionevolezza. A lui piace giocare e sparare certe cifre, ma si tratta di un bravo uomo d’affari, disposto a trattare".

A voler leggere tra le righe, nonostante il tono scherzoso del Matador, sembra di intravedere, come sottolinea oggi ‘Tuttosport’, una sorta di rassicurazione verso eventuali pretendenti, come a dire: 'Se siete interessati a me, una soluzione con il presidente De Laurentiis sarà trovata'.

Secondo quanto  riferito dal quotidiano torinese, sul giocatore uruguayano sarebbero costantemente puntati gli occhi di tre big d’Europa: in Italia quelli della Juventus, che prima di muoversi su altri obiettivi continua a monitorare con assiduità la situazione della punta partenopea, in Inghilterra il Chelsea campione d’Europa e il Manchester City dello sceicco Mansour, vincitore dell’ultima Premier League e che si appresta a vivere una Champions League da protagonista.

Al di là delle possibili formule e contropartite tecniche (si era parlato nelle scorse settimane di un inserimento nell'operazione di Matri e Filipe Melo, piuttosto che di Giovinco), Cavani continua a piacere molto alla Juve, anche perché l’uruguayano con la sua predisposizione al sacrificio per la squadra è il prototipo di attaccante tipo nell’idea di calcio di Antonio Conte.

Inoltre, particolare non da poco, il suo ingaggio sarebbe molto meno oneroso per il bilancio bianconero rispetto a quelli dei tanto inflazionati Suarez e Van Persie e ci sarebbe la possibilità concreta di ottenere uno sconto importante dal Napoli inserendo nell’operazione contropartite tecniche gradite alla società partenopea. Insomma, come lo stesso Cavani ha lasciato intendere, i margini per trattare ci sono e sono ampi, basta farsi avanti.

Sullo stesso argomento