thumbnail Ciao,

Il Napoli pensa a Schelotto come alternativa a Maggio, intanto si punta a Peluso come rinforzo per la fascia mancina. Sfuma Alvaro Pereira, troppi i quindici milioni richiesti

Mazzarri è stato chiaro, il suo Napoli per continuare a volare ha bisogno di mettere le ali. Rinforzare le fasce, questo l'imperativo categorio del tecnico partenopeo a Bigon, che opera sul mercato seguendo le direttive del mister senza tralasciare il fair play finanziario tanto caro al patron De Laurentiis.

Fair play finanziario a causa del quale è velocemente sfumata la pista che conduceva ad Alvaro Pereira, esterno del Porto, per cui i partenopei avevano fatto un sondaggio. Sondaggio rimasto tale dopo l'esosa richiesta del club lusitano, inavvicinabile infatti la cifra di quindici milioni per le casse azzurre.

Ecco dunque, come riportato dal 'Corriere dello Sport', spuntare un nuovo nome all'orizzonte per le fasce tanto care a Mazzarri. Si tratta di Ezequiel Schelotto, esterno italo - argentino, capace di galopatte lunghe novanta minuti. Il Napoli ha cominciato a sondare il terreno con l'Atalanta per capire i margini di trattativa, magari con il possibile inserimento di Cigarini come contropartita per abbassare l'esborso cash.

E sempre nella bottega orobica gli azzurri potrebbero pescare anche il rinforzo utile per il reparto arretrato ma non solo. Piace, e molto, Federico Peluso, capace di giostrare indifferentemente nei tre dietro o sull'out mancino, come alternativa a Zuniga. Forte però la concorrenza del Manchester City, che lo avrebbe scelto come erede di Kolarov. Lunedì intanto è finalmente il giorno del Pocho, che volerà a Parigi e sosterrà le visite mediche, in serata è attesa l'ufficialità del suo passaggio al Psg.

Sullo stesso argomento