thumbnail Ciao,

Intorno a Verratti è sempre più intrigo: dietro la mossa del Pescara si cela l'attesa per un rilancio Juve. Il ragazzo infatti vuole solo i bianconeri...

Dietro la mossa dei biancazzurri di togliere il regista dal mercato si celerebbe l'attesa per un probabile rilancio della Juve. Verratti, infatti, vorrebbe solo i bianconeri

Ieri il Pescara ha ufficialmente tolto Marco Verratti dal mercato. Notizia che per qualche ora ha gelato il Napoli, ma, soprattutto, la Juventus, società da mesi ormai vicina all'acquisto del giovane regista dell'Under. Gelo durato però lo spazio di qualche ora appunto, il tempo necessario al giocatore per comunicare, con abile mossa da mago della comunicazione, tramite post su Facebook,  la propria intenzione di rispettare a sua volta il contratto e restare così un altro anno a Pescara.

Mossa tattica quella di Verratti, ben sapendo come, in realtà, la società abruzzese non abbia alcuna intenzione di rinviare al prossimo anno la monetizzazione relativa ad una sua cessione, puntando comunque a trattenerlo con sè per un'altra stagione, ma al massimo in comproprietà con una big.

Mossa dettata dalla ferrea volontà del giocatore, che vuole solo la Juventus. Essendosi quindi momentaneamente interrotta la trattativa tra i bianconeri ed il Pescara, a causa del rifiuto di Bouy di trasferirsi in Abruzzo con la formula della comproprietà, è stato questo il modo più semplice per Verratti di mostrare come poco sia affascinato dall'opzione Napoli, opzione che nelle ultime ore stava prendendo sempre più corpo, ma che ora subisce un deciso stop.

Il regista dell'Under, oltrettutto, come riportato dalla 'Gazzetta dello Sport', avrebbe manifestato ben tre validi motivi per spiegare la preferenza accordata al bianconero.

Oltre infatti alla nota passione adolescenziale per i colori della Vecchia Signora, Verratti non avrebbe alcuna intenzione di cedere i propri diritti di immagine a De Laurentiis, come quasi sempre richiesto dal patron azzurro ai suoi giocatori.

Infine, il centrocampista non sarebbe affatto convinto di potersi inserire al meglio nel gioco di Mazzarri, sapendo bene come il tecnico livornese prediliga più gente di corsa in mezzo al campo rispetto a fini dicitori dai piedi buoni.

Ora tocca quindi alla Juventus mettere sul piatto un'offerta capace di accontentare il Pescara che gli consenta di mettere le mani su uno dei più fulgidi e giovani talenti del calcio italiano, capace di rilevare l'eredità del playmaker bianconero, Andrea Pirlo.

Sullo stesso argomento