thumbnail Ciao,

La società toscana ha deciso di esercitare il diritto di riscatto della metà del cartellino dell'attaccante: saltato dunque l'accordo con il Genoa.

Potrebbe esserci una svolta inattesa e clamorosa nella telenovela Destro: il Siena ha infatti deciso di esercitare il diritto di riscatto della metà del giocatore, che sembrava ormai destinato a diventare tutto del Genoa.

Il club toscano invierà un fax in questi minuti per far valere l'opzione che gli permette di diventare padrone del 50% del cartellino dell'attaccante, incluso nell'elenco dei preconvocati di Prandelli per Euro 2012 dopo l'ottima stagione disputata in Toscana.

Sembrava che l'accordo tra Siena e Genoa fosse ormai stato delineato, con il passaggio di Destro al Grifone in una maxi operazione che avrebbe coinvolto anche Rossettini, due giovani come Rizzo e Ginocchi (destinati al club ligure in comproprietà) e il duo Cofie-Polenta, che sembrava diretto verso Siena.

E' probabile a questo punto che dietro la mossa del club di Mezzaroma possa esserci una delle big interessate al giocatore: Juventus e Roma sono le squadre maggiormente indiziate, visto che l'Inter puntava sull'asse col Genoa per mettere le mani sull'attaccante.

Ai microfoni di Sky Preziosi ha poi spiegato com'è la situazione: “Destro? Non ho avuto modo di parlare con Lo Monaco. Le cose secondo me non cambiano. Se non si è trovato un accordo col Siena stasera, si può trovare domani. Juve? Il giocatore non può muoversi senza il nostro consenso, non c’è possibilità. Se il Siena riscatta la metà, ne parleremo".

Il patron del Genoa conferma però che l'Inter ha una sorta di 'opzione morale': "Noi non abbiamo promesso niente a nessuno, abbiamo un discorso aperto con tutti. A pari condizioni, l’Inter avrebbe il vantaggio di portarselo a casa per un discorso morale. Con Moratti ci lega affetto e amicizia, non farei qualcosa contro i suoi interessi, se ovviamente combaciano con i nostri. Se una squadra offre 10 e l’Inter 9, io lo darò comunque all’Inter".

Sullo stesso argomento