thumbnail Ciao,

Ed anche per Acerbi sembra esserci qualche difficoltà: forse Genoa e Chievo si accordano per il rinnovo della comproprietà, senza contare l'inserimento di Juve e Inter...

Morto un papa, se ne fa un altro. Questo è il diktat che circola in queste ore frenetiche per le stanze di Via Turati, dove - mentre da un lato si lavora per la cessione di Thiago Silva al Paris Saint-Germain - dall'altro si sta cercando di mettere le mani in tempi rapidissimi sui sostituti. Plurale, visto che uno come il brasiliano non si può certo rimpiazzare con un semplice innesto.

Lo testimoniano le frasi allarmate con cui hanno commentato la notizia i vari Cassano e Boateng, per non parlare della rabbia di Ibrahimovic che trapela dal ritiro della Svezia. Ed anche Philippe Mexes, che pure dovrebbe essere uno di quelli chiamati a non far rimpiangere Thiagone, gli manda un disperato appello: "Per favore non te ne andare. Sei fondamentale per la nostra squadra. Il Milan ha bisogno di te, non il Psg",  si legge su 'TuttoSport'.

Tornando ai sostituti, sembrava fatta per Acerbi, ma ieri Genoa e Chievo - contitolari del cartellino - si sono incontrate senza addivenire ad alcunchè, e potrebbero anche accordarsi per il rinnovo della comproprietà, che renderebbe più difficoltosa la chiusura della trattativa. Senza contare l'inserimento sul giocatore da parte dell'Inter e nelle ultime ore anche della Juventus.

I due obiettivi 'grossi' di Galliani sono poi Dedè e Silvestre, ma anche lì le cose sembrano essersi complicate, visto il gioco al rialzo posto in essere rispettivamente da Vasco de Gama e Palermo, che - forti evidentemente della consapevolezza della grande liquidità milanista - hanno sparato rispettivamente 20 e 15 milioni per i loro difensori (sul rosanero, peraltro, c'è anche fortissima l'Inter a rendere complicata l'operazione).

Sullo sfondo restano le voci che parlano di un pressing sempre più insistente su Alessandro Nesta, per convincere l'altro totem della difesa dell'ultimo scudetto a ripensarci e non appendere più le scarpe al chiodo. Perchè il momento in casa Milan è di quelli di massima emergenza, e serve l'aiuto di tutti gli uomini validi...

Sullo stesso argomento