thumbnail Ciao,

Chissà quale sarà il futuro di molti senatori, sia del Milan che dell'Inter. C'è da vedere anche se il Milan riscatterà Maxi Lopez a giugno.

Il mercato non si ferma mai. Neanche in un fine settimana così 'decisivo'. Catania e Milan oggi torneranno a sfidarsi e ne approfitteranno per parlare di Maxi Lopez. L'argentino sarà riscattato dal Milan. Pochi i dubbi: da accordi i rossoneri dovrebbero versare 8 milioni di euro nelle casse degli etnei. Ma attenzione: tra i due club è nata un'amicizia. Che d'estate possa nascere qualche altra operazione?! Possibile: Gomez, Barrientos o chissà anche Francesco Lodi i gioielli nella vetrina del Catania. Se ne riparlerà.

Così come sul futuro allenatore dell'Inter: domani la prima di Stramaccioni. Che se dovesse vincere tutte le partite da qui a fine campionato (o in alternativa sorprendere per metodologie e gestione spogliatoio) potrebbe anche rimanere sulla panchina nerazzurra. Difficile però. I nomi nella lista di Moratti comunque non sono tantissimi: in pole c'è Marcelo Bielsa, il 'loco', attualmente all'Athletic Bilbao. Poi lo 'special two' Villas-Boas. A fine aprile ne sapremo di più.

Così come del futuro di Walter Mazzarri. Numerose le voci che lo vorrebbero addirittura in Inghilterra o proprio all'Inter. Fondamentale sarà ovviamente il finale di stagione del Napoli, diviso tra terzo posto e finale 'romana' di Coppa Italia contro la Juventus. Dove ci sarà Alessandro Del Piero, alla sua ultima finale da capitano con la maglia della Juve. Non ci sarà nessun ripensamento da parte del presidente Agnelli (nonostante le pressioni del tifo bianconero), forse solo in caso di vittoria dello scudetto. Se così non dovesse essere sarà addio.

Così come probabilmente per molti 'senatori' dell'Inter e del Milan. Cambiasso, Julio Cesar, Stankovic, Lucio da una parte. Van Bommel, Seedorf, Nesta, Flamini dall'altra. Le sorprese ovviamente sono escluse. Sia in entrata che in uscita, passando per le riconferme. 'Work in progress', e non potrebbe non essere così. Ma attenzione, ogni settimana, ogni partita potrebbe essere quella giusta per capire, scrutare, valutare. Se comprare o no. Se vendere oppure resistere. Se cambiare aria o rimanere fedeli. Ed allora allacciate le cinture: parte il treno del week-end. Sarà calcio (e) mercato.

Sullo stesso argomento