thumbnail Ciao,

Il presidente della società verdeoro è convinto che anche l'altro gioiello della squadra rimarrà in Brasile almeno sino al 2015.

Al Santos non si fa che continuare a parlare del futuro di Neymar e di quello di Paulo Henrique Ganso. E se per quanto riguarda il primo, Barcellona permettendo, sembra reale una sua permanenza al club sino al 2014, per il secondo, visto che la società DNS adesso detiene il 55% del suo cartellino (ha acquistato il 10% qualche giorno fa) c'è chi pensa che le cose possano cambiare da un momento all'altro.

Non la pensa allo stesso modo il presidente Luis Alvaro Oliveira Ribeiro, soprattutto quando gli si dice che la DNS ha la possibilità di poter trattare la cessione del giocatore senza dover consultare prima il club: "Neymar è come uno champagne, frizzante, esplosivo. Ganso è più come un vino Bordeaux. La cessione dei suoi diritti comunque non cambia niente, vogliamo che rimanga fino al 2015".

Staremo a vedere se riuscirà anche con il trequartista verdeoro l'opera di convincimento di rimanere almeno sino al 2014. O se effettivamente i grandi club, spinti proprio dalla DNS, riusciranno a far sbarcare in Europa quello che molti considerano, anche se ci sono delle differenze sostanziali nel modo di giocare, di Kakà.


Sullo stesso argomento