thumbnail Ciao,

Il boss della mafia, intercettato durante la sua permanenza al carcere di Milano, si è 'occupato' indirettamente anche di calcio, in particolar modo anche di Milan.

Continuano ad essere rese note le intercettazioni ambientali riguardanti il boss della mafia Totò Riina. Nel corso di una di queste, mentre era a colloquio all'interno del Carcere Opera di Milano con il suo vicino di cella Alberto Lo Russo, il 'Capo dei Capi' ha parlato indirettamente di calcio, riferendosi alla love story tra il neo-amministratore delegato del Milan Barbara Berlusconi e l'attaccante brasiliano Alexandre Pato.

Queste, secondo Adnkronos, sarebbero state le dichiarazioni del detenuto Riina: "Min... Barbarella, Barbaretta, sta Barbarella è potentosa come suo padre, perchè si è messa sotto quello li'... Lui era un potente giocatore e non ha potuto giocare più, lui dice che vuole venire di nuovo".

Secondo Riina sarebbe stata quindi la love story con la figlia dell'ex-Premier a distrarre eccessivamente il brasiliano dal fare bene in campo con la maglia rossonera. Una malignità che forse, ogniqualvolta Pato era ai box, avrà attraversato la testa anche di qualche altro tifoso rossonero.

Sullo stesso argomento