thumbnail Ciao,

L'attaccante del Varese ha commentato così gli episodi di Busto Arsizio: "Il razzismo c'e' sempre stato e temo che ci sara' sempre. Bisogna educare la gente, i bambini a scuola".

Tante sono le parole spese nel mondo del calcio dopo gli spiacevoli episodi di razzismo in Pro Patria-Milan. Alcune positive ed ottimiste come quelle di Prandelli, altre negative e con un velo di scetticismo per un male difficile da estinguere come quelle di Giulio Ebagua.

''Resto a bocca aperta perche' non pensavo che a Busto Arsizio potesse accadere qualcosa del genere. Ma e' chiaro che l'ignoranza non ha confini ne' cittadinanza...certo - aggiunge - che se il Milan ha deciso un'azione del genere la cosa dev'essere stata parecchio pesante. In ogni caso, mi spiace, anche perche' c'e' di mezzo una squadra importante come il Milan'', le parole dell'attaccante del Varese.

Secondo Ebagua la ribellione del Milan, alla fine, servirà a poco : "Parlare del problema puo' far bene, pero' credo che alla fine della giornata siano piu' i perdenti dei vincenti: pensiamo a quei genitori che avevano deciso di portare il loro bambino allo stadio per fargli vedere da vicino i suoi campioni del cuore: che cosa avra' pensato e che cosa pensera' questo bambino?''.

E trovare rimedi è ancora più difficile, perchè alla base rimane comunque l'ignoranza: "Il razzismo c'e' sempre stato e temo che ci sara' sempre. Bisogna incidere sulla mentalita' di certa gente, bisogna cominciare a scuola, educando i bambini. Ma forse anche noi di colore a volte ce la prendiamo troppo per queste cose - conclude - , pur sapendo che alla base c'e' soprattutto o soltanto l'ignoranza''.

Sullo stesso argomento