thumbnail Ciao,

Un autentico viaggio alla ricerca del calciatore, dell’uomo, dell’icona. Per riportare a galla ricordi ed emozioni, per esaltare la sua classe e la signorilità.

Per vent’anni ha deliziato le platee degli stadi italiani e non solo. Le sue gesta, le sue magie si sono intrecciate con la vita di milioni di tifosi. In tutte le città in cui ha giocato ha lasciato un ricordo indelebile, che travalica il dato prettamente agonistico per lasciare spazio ad emozioni, sentimenti, sussulti dell’animo. Roberto Baggio non è stato un semplice calciatore: personaggio a tutto tondo, fiero e determinato, si è sempre distinto per serietà e professionalità, mettendo soprattutto in evidenza le sue doti interiori. Goal dopo goal, mondiale dopo mondiale, mai scontato, un campione sul campo e nella vita.

Matteo Salimbeni e Vanni Santoni, toscani doc, hanno ripercorso la vita e la carriera del 'Divin Codino' attraverso un libro il cui titolo e l’immagine di copertina sono molto esplicativi: “L’ascensione di Roberto Baggio”, edito da Mattioli 1885. L’aureola e l’abbigliamento che caratterizzano l’immagine del calciatore accompagnano e chiariscono i contorni del titolo dell’opera.

Non si tratta di una semplice biografia, come sottolineano gli autori, ma di un vero e proprio romanzo, un doveroso tributo nei confronti di un fuoriclasse che ha fatto sognare e divertire, gioire e piangere. Da Firenze a Torino, da Milano a Bologna, da Brescia fino a Vicenza e Caldogno, dove tutto è cominciato. Un autentico viaggio alla ricerca del calciatore, dell’uomo, dell’icona. Per riportare a galla ricordi ed emozioni, per esaltare la classe sul rettangolo verde e la signorilità di un uomo mai sopra le righe, sempre composto ed umile. Questo, e tanto altro ancora, è stato ed è Roby Baggio.

Sullo stesso argomento