thumbnail Ciao,

Un tifoso baby del Borussia Dortmund, affetto da un tumore, aveva chiesto l'incisione del logo della sua squadra del cuore nella lapide: la Chiesa è stata costretta a dire di sì.

Episodio davvero commovente quello successo in Germania: un baby tifoso del Borussia Dortmund, Jens Pascal, di appena 9 anni, aveva chiesto il logo della sua squadra del cuore nella lapide. Il bambino era malato di cancro e la Chiesa in un primo momento aveva rifiutato tale richiesta, per poi cedere alla forte pressione del popolo del web.

Una storia toccante quella del piccolo Jens Pascal, che impazziva di gioia per il suo Borussia Dortmund. Nel dicembre del 2011 il portiere Roman Weidenfeller, il capitano Sebastian Kehl e l'allenatore Jurgen Klopp, con quest'ultimo vestito addirittura da Babbo Natale, andarono a far visita al bimbo nella clinica in cui era ricoverato.

Qualche mese più tardi Jens Pascal si è spento per un tumore al cervello, nel maggio del 2012. Con l'approvazione del club, la famiglia fece realizzare una lapide con inciso il logo del Borussia Dortmund, compreso il motto della squadra che recita "Echte Liebe" (amore vero). In un primo momento però, la parrocchia di Maria Heimsuchung aveva storto il naso, ritenendo la cosa "poco religiosa" e "non consona ad un cimitero cattolico".

Da quel giorno però, la parrocchia tedesca è stata presa d'assalto dal popolo del web, che iniziò una campagna feroce per la realizzazione della volontà del piccolo tifoso. Dopo l'enorme pressione dell'opinione pubblica, la parrocchia è stata costretta ad un ripensamento: "Non era nostra intenzione essere d'intralcio alle ultime volontà del piccolo Jens Pascal". E' stato dunque dato il via libera al tutto, con la sola condizione che il pallone di pietra, ideato insieme alla lapide, venga spostato in basso e non in cima.

Sullo stesso argomento